Alfa Romeo 8C Competizione 2008

La produzione limitata a cinquecento esemplari, già tutti venduti, pone la “8C Competizione” fra le instant classic più ambite.

Una granturismo Alfa Romeo da oltre 162.000 euro, personalizzazioni escluse? Per molti la “8C Competizione” può essere una sorpresa, il debutto del tutto inatteso del marchio nell’Olimpo delle sportive purosangue.

Come dar loro torto visto che da decenni il prodotto della Casa milanese è di tutt’altro tipo. Gli alfisti di vecchia data invece “vivono” la “8C” in modo diverso: nessuna svolta epocale, bensì l’auspicato ritorno del marchio ai fasti del tempo andato. Già la sigla “8C” ottolinea del resto l’ideale continuità con una generazione di vetture a otto cilindri che negli anni Trenta scrisse uno dei capitoli più entusiasmanti dell’automobilismo sportivo.
Ma attenzione, non si tratta di un’astuta operazione di marketing, sapientemente celata da “furbi” richiami stilistici al passato.

Certo nelle sue linee si intravedono elementi che rimandano alla “33 Stradale” e alle “TZ”, ma sotto alle forme, peraltro convincenti, non manca certo la sostanza. A partire dalla carrozzeria realizzata in carbonio, applicata ad un pianale in acciaio: una scelta che ha consentito di contenere il peso a vuoto entro i 1585 kg, mirabilmente distribuiti per il 51% sull’asse posteriore e per il restante 49% su quello anteriore, per un equilibrio ottimale.
Raffinate le sospensioni a quadrilateri deformabili, che garantiscono solidi appoggi laterali.

E che dire del motore V8 (di origine Maserati) di 4,7 litri e 450 CV montato in posizione anteriore-centrale? Il cambio, un sequenziale a sei rapporti, è collocato al retrotreno in blocco col differenziale autobloccante (25% in tiro e 40% in rilascio). Le prestazioni sono ai vertici: si raggiungono i 292 km/h e si passa da 0 a 100 km/h in 4,2 s. La produzione limitata a cinquecento esemplari, già tutti venduti, pone la “8C Competizione” fra le instant classic più ambite. E per coloro che non si accontentano mai c’è già la versione spider, costruita sempre in cinquecento unità.

CARATTERISTICHE

Motore

Anteriore-centrale longitudinale
8 cilindri a V
Alesaggio 94 mm
Corsa 84,5 mm
Cilindrata 4691 cm3
Potenza 450 CV a 7000 giri/min
Rapporto di compressione 11,25:1
Iniezione elettronica.

Trasmissione
Trazione posteriore
Cambio posteriore sequenziale a 6 rapporti
Differenziale autobloccante
Pneumatici ant. 245/35 R20;
post. 285/35 R20.

Corpo vettura
Coupé 2 porte, 2 posti
Telaio in acciaio; scocca in carbonio
Sospensioni a ruote indipendenti, quadrilateri deformabili, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici, barre antirollio,
ESP
Freni a disco forati e autoventilanti, ABS.

Dimensioni e peso
Passo 2645
Carreggiata ant. 1610 mm; post.1580 mm
Lunghezza 4380 mm
Larghezza 1890 mm
Altezza 1340 mm
Peso a vuoto 1585 kg

Prestazioni
Velocità 292 km/h.

LEGGI ANCHE:
Alfa Romeo P2 Gran Premio 1924
Alfa Romeo 8C 2300 Le Mans 1931
Alfa Romeo P3 Gran Premio 1932
Alfa Romeo 8C 2900B berlinetta Le Mans 1938
Alfa Romeo 33 Stradale prototipo 1967
Alfa Romeo Montreal 1972

partecipa alla conversazione

Alfa Romeo 8C Competizione 2008

1 DI 6