Milano AutoClassica, un’edizione col botto

Grazie al traino della sontuosa asta Duemila Ruote la prima edizione autunnale di Milano Autoclassica supera il risultato dello scorso marzo. Case ufficiali, musei e istituzioni nazionali, rivenditori, ricambisti e qualche club: è stata un’edizione che ha premiato la qualità delle presenze. Al centro del parterre la straordinaria esposizione delle più significative Lancia di sempre per i 110 anni. L’edizione 2017 si terrà nel mese di novembre.

La “Winter Edition” di Milano Autoclassica ha retto l’impegno di una seconda edizione annuale (la prima edizione è andata in scena a fine marzo) in un panorama sempre più ricco di eventi del settore e, soprattutto, a soli trenta giorni dalla tradizionale kermesse di Automotodepoca. Lo scorso weekend oltre 60.000 visitatori, il 18% in più rispetto all’edizione primaverile, hanno visitato i padiglioni di RhoFiera e assistito alla forsennata asta organizzata da RM Auctions (oltre 70 milioni di euro di controvalore complessivo), con 817 lotti battuti per tutto il weekend.

Oltre alla formula (“non solo una festa per appassionati di motori e collezionisti, ma anche un’occasione di business” – come ha detto Andrea Martini, presidente di Milano AutoClassica) il merito del successo del weekend va anche alla grande asta “Duemila Ruote”, un importante barometro del mercato e un occasione che ha richiamato pubblico da tutto il mondo.

La formula non è cambiata: una massiccia presenza dei marchi ufficiali (i dealer ufficiali milanesi di Lamborghini, Aston Martin, McLaren Abarth, Jeep, Maserati, Jaguar, Land Rover, BMW, Infiniti e Tesla) che hanno impreziosito gli stand con alcuni modelli classici, l’ASI (che, celebrando Bertone, ha portato tre esemplari della collezione acquisita un anno fa), la Classic Circuit Arena (Due le gare ufficiali che vi hanno avuto luogo: Historic Rally, vinto da “Febis” su Lancia Stratos, e Historic Speed, vinto da Antonino Fiordilino a bordo di una Fiat Giannini 650 NP), museisodalizi, rivenditori, ricambisti, restauratori e, chiave di volta di tutta la mostra, la guest-star al centro del padiglione principale. Che quest’anno è stato il marchio Lancia con una straordinaria rassegna – per i suoi 110 anni – di modelli di tutte le epoche.

ANCORA BELLE AUTOMOBILI
Partendo dall’affascinante squadrone Lancia della collezione ufficiale (dalla Alpha del 1907 alla Delta Integrale 16v Evo), il salone milanese si è certamente distinto per la notevole qualità delle vetture, in esposizione o in vendita. Si sono viste Miura (ben tre esemplari), Delta S4, Ferrari F40, Ford GT40 Stradale, Alfa Romeo dell’anteguerra (e quelle del Museo Storico e della collezione Righini), una superba Ferrari 166 F2 del ’48 con una 250 GTL, la rarissima Maserati Tipo 63 12 cilindri insieme a Ghibli e all’ancora più particolare 320S Concept disegnata da Giugiaro.

ARRIVEDERCI AL 2017
L’organizzazione ha già fissato le date per l’edizione 2017 di Milano AutoClassica. Appuntamento, quindi, per il 24, 25 e 26 novembre del prossimo anno.

Alvise-Marco Seno

partecipa alla conversazione

Milano AutoClassica, un’edizione col botto