Anteguerra, “scampagnata” al Vittoriale

Partita con l’obiettivo di essere una tranquilla passeggiata “in famiglia”, la prima Riunione Motoristica del Garda, organizzata dal noto collezionista Corrado Lopresto, è stato invece un meeting andato al di là di ogni più rosea aspettativa, nonostante le bizze di una giornata fredda e piovosa (il 7 gennaio).

Quaranta gli equipaggi partecipanti, convocati presso la sede della Collezione Lopresto, nell’hinterland est di Milano, tramite un passaparola su whatsapp che si è trasformato subito in una catena entusiastica di appassionati. Obiettivo, raggiungere Gardone Riviera, per una visita al celebre Vittoriale, residenza di Gabriele d’Annunzio.

Tema del raduno sono state le anteguerra, che nonostante il maltempo hanno completato senza problemi il percorso: una ventina tra le più anziane – degli anni 20 e 30 – sono rimaste esposte nella piazzetta della Priora, mentre le altre si sono dovute “accontentare” di un parcheggio nella piazza antistante l’ingresso del Vittoriale, concessa dal Comune.

Ad accogliere i partecipanti è stato il presidente della Fondazione il Vittoriale degli Italiani, Giordano Bruno Guerri; la comitiva ha quindi visitato la storica residenza del Vate, il parco e il nuovissimo museo “L’Automobile è femmina” dove sono ospitate la Fiat Tipo 4 e l’elegantissima Isotta Fraschini Tipo 8 appartenute a D’Annunzio.

La denominazione del museo si rifà alla sua celebre definizione: L’Automobile è femminile. Questa ha la grazia, la snellezza, la vivacità d’una seduttrice; ha, inoltre, una virtù ignota alle donne: la perfetta obbedienza. Ma, per contro, delle donne ha la disinvolta levità nel superare ogni scabrezza.”

Durante la visita, Corrado Lopresto ha anche annunciato il recente acquisto di un storico cimelio: la borsa con cui, esattamente un secolo fa,  D’Annunzio lanciò i volantini su Vienna. Oggi l’aereo protagonista di quella storica impresa è esposto proprio al Vittoriale, mentre la borsa, proprio in occasione del centenario, sarà sottoposta a un minuzioso restauro che la riporterà alle condizioni originarie.

All’evento era presente anche il creatore della manifestazione Top Chef Italia, Geggi Tagliafico che con il suo team ha curato tutte le riprese della giornata, oltre a fornire due panettoni artigianali creati ad hoc per il ritrovo automobilistico.

Di grande pregio il parco delle auto interventute al raduno, come ben quattro Alfa Romeo 6C, tre Bugatti, e numerose tra Lancia Lambda, MG, Porsche 356, Jaguar XK120, Maserati Ghibli, Rolls-Royce, Fiat eccetera.

Cinque le vetture provenienti dalla Collezione Lopresto: un’Alfa Romeo 6C 2300B Ministeriale del 1938 (la più vecchia della cinquina), una 6C 2500 Sport Berlinetta Touring del 1939, la 6C 2500 Freccia d’Oro che corse la Carrera Panamericana nel 1950 e le più recenti Giulietta Sprint Veloce prototipo e Alfetta Quadrifoglio Oro (telaio numero 1).

Dario Tonani

partecipa alla conversazione

Anteguerra, “scampagnata” al Vittoriale

1 DI 5