A+ A-

Arriva “Guida al mercato 2017″ con i listini tutti nuovi

Grande novità, questo mese in edicola, per orientare i nostri lettori nella scelta e nell’acquisto di una vettura storica. Debutta la “Guida al mercato”, evoluzione naturale di “Affari e mercato”, proposta per tre anni, ma che nel 2017 contiene una vera e propria chicca, da tempo attesa dagli appassionati: i nuovi listini che i nostri esperti hanno certificato su ben 7 livelli di prezzo, con 5000 vetture quotate dal 1918 al 2006 (un’estesione temporale che copre qualcosa come quasi novant’anni di storia dell’automobile); 500 modelli “ragionati” con foto e scheda tecnica.

Nel volume, di 240 pagine, sono inoltre presenti numerosi articoli di approfondimento; da una panoramica sui modelli più appetibili alle auto che saranno storiche dal 2018, dai consigli degli esperti per muoversi al meglio sul mercato alle dinamiche delle vendite all’asta, dai fondi di investimento che propongono auto classiche di pregio  alle polizze assisurative pensate specificamente per i veicoli storici.

“Guida al Mercato 2017″ è disponibile a richiesta con Ruoteclassiche di settembre a 11,40 euro (solo rivista, 5,50 euro).

E se la carta fornirà già una panoramica aggiornata del mercato, a partire appunto da settembre il nostro sito ruoteclassiche.it rende consultabili, con una minima spesa, quotazioni arricchite di nuove preziose informazioni: anni di produzione, codice Infocar, breve scheda tecnica, indice di disponibilità e grafico del trend delle quotazioni degli ultimi anni. Strumenti preziosi per il professionista del settore, ma anche per quanti – e sono tantissimi – si rivolgono all’esperienza ormai trentennale di Ruoteclassiche per valutare un’opportunità di acquisto o un giusto prezzo di vendita.

Il nuovo sistema, denominato Pro+, si pone l’obiettivo di creare un collegamento metodologico a Quotauto, la piattaforma utilizzata per le quotazioni dell’usato della rivista consorella Quattroruote, che già sfrutta da tempo le sinergie tecnologiche e l’esperienza acquisita sul campo da Quattroruote Professional, che gestisce la Banca Dati Usato.

Alla base di Ruoteclassiche Pro+ c’è un algoritmo specifico che valuta diversi indicatori – stato di conservazione e storia dell’esemplare (auto, moto, veicolo commerciale o industriale che sia), rarità del modello, stato di conservazione, e tendenze del momento – il tutto “supportato” dal lavoro di un pool di 15 esperti di fama internazionale che compongono il Comitato Prezzi di Ruoteclassiche, chiamati a monitorare (aggiornandoli quando necessario) i valori economici generati dal sistema. Questo comitato di “saggi” è affiancato anche dalle case automobilistiche, dai club e dai registri di marca e di modello, a cui è stato chiesto di fornire informazioni utili alla definizione delle quotazioni.

Queste ultime saranno declinate su 7 livelli, contrassegnate da altrettante “etichette”: da A+ (esemplare da concorso) a C (rottame da restaurare completamente). Il listino della rivista riporterà tre livelli: AB (buono stato di conservazione e restauro) e i successivi A+ e B+. Mentre nei prodotti informatici (sito internet) e in quelli “professional” compariranno tutte e 7 le “label”. E lo stesso accadrà nell’allegato “Guida al mercato”, che verrà pubblicato una volta all’anno, a settembre, andando a sostituire il precedente “Affari & mercato”…

Abbonamenti cartacei con digital edition inclusa

Con l’abbonamento Ruoteclassiche si fa in 4 per te!

Scopri l'offerta

Archivio

cerca un mese/anno
Mostra più Riviste