Bonhams, la rivincita delle “vecchiette”

A+ A-

Scommessa vinta per la Casa d’aste inglese che a Parigi ha proposto e aggiudicato in percentuali elevatissime auto costruite da inizio secolo fino agli anni ’30. Più complicata la vendita delle altre, soprattutto delle italiane da rally.

Bonhams gioca d’azzardo puntando una parte consistente del suo catalogo parigino su vetture che gli esperti di mercato giudicano nel migliori dei casi “difficili” da vendere e vince la scommessa. Quasi l’80% delle vetture proposte (costruite da inizio secolo sino alla fine degli anni ’30) sono infatti passate di mano. A prezzi anche molto interessanti, in particolare per la splendida collezione di 20 vetture marchiate Minerva, quasi tutte aggiudicate. Una buona notizia per gli appassionati delle auto più anziane che toccano con mano un ritorno di interesse per le loro vetture.

Nel complesso Bonhams ha chiuso la lunga seduta parigina (nove ore consecutive se si comprende anche l’automobilia, sette per le sole auto) con numeri tutto sommato positivi a fronte però di compromessi pesanti in termini di prezzi di aggiudicazione. Su 136 vetture in listino ne sono passate di mano 100 e di queste una sessantina sono state aggiudicate sotto la stima minima.

In gran parte respinta al mittente una collezione di cinque auto da Rally italiane, giudicate troppo care nonostante la loro rarità: Lancia Delta Integrale Gr. A del 1988; Lancia Delta S4 Gr. B del 1986 e una Fiat 124 abarth rally Gr. 4 1975, tutte ex-Casa. Un affare per chi l’ha acquistata invece una Fiat X1/9 Gr. 4 del 1974, pagata solo 12.650 euro, tutto compreso. E un discreto acquisto l’ha concluso anche chi ha acquistato il motor-home Iveco Scuderia Ferrari utilizzato da Schumacher e Barrichello dal 2001 al 2005, pagato 103.500 euro.

Qui sotto la Top Ten della vendita di Bonhams, dove si può notare come sei su dieci siano vetture costruite fino agli anni Trenta, due negli anni ’50 e due negli anni ’70. Colpisce inoltre vedere al primo posto di una Top Ten non solo un modello Fiat, ma un modello del 1904!

TOP TEN BONHAMS

0- Fiat Type 24-32 tonneau avec entree par l'arriere 1904
1) Fiat Type 24/32 tonneau, 1904 -€ 713.000
Stima d’asta € 750.000 – 950.000

1- Bugatti Type 57 3,3 litres Torpedo Tourist Trophy 1935
2) Bugatti Type 57 3,3 litri Torpédo Tourist Trophy, 1935 – € 713.000
Stima d’asta € 780.000 – 1.300.000

3- Bentley 3-Litre « Red Label » Speed Model Tourer 1926
3) Bentley 3-Litre « Red Label » Speed Model Tourer, 1926 – € 701.500
Stima d’asta € 650.000 – 850.000

4- Lamborghini Countach LP400 Coupe Periscopio 1974
4) Lamborghini Countach LP400 Coupé “Periscopio”, 1974 – € 638.250
Stima d’asta € 600.000 – 800.000

5- Mercedes-Benz 300 SL roadster aux
5) Mercedes-Benz 300 SL roadster ricostruta
con specifiche SLS competizione e alluminio, 1957 – € 632.500
Stima d’asta € 900.000 – 1.200.000 senza riserva

6- Minerva Type K 40 HP limousinetorpedo transformable 1907
6) Minerva Type K 40 HP limousine/torpédo trasformabile, 1907 – € 603.750
Stima d’asta € 350.000 – 450.000

7- Bugatti Type 40 Grand Sport 1928
7) Bugatti Type 40 Grand Sport, 1928 – € 529.000
Stima d’asta € 300.000 – 400.000

8- Ferrari 365GTB4 Daytona 1970
8) Ferrari 365GTB/4 Daytona trasformata Spider, 1970 – € 517.500
Stima d’asta € 500.000 – 600.000

9- Minerva Type AL 40 CV coupé sport 1934
9) Minerva Type AL 40 CV coupé sport, 1934 – € 391.000
Stima d’asta € 350.000 – 450.000

9- Aston Martin DB 24 3 litres cabriolet 1954
10) Aston Martin DB 2/4 3.0 litri cabriolet, 1954 – € 391.000
Stima d’asta € 300.000 – 400.000

Gilberto Milano

partecipa alla conversazione

Bonhams, la rivincita delle “vecchiette”

1 DI 0