Enzo Ferrari, gli anni in Alfa raccontati ad Arese

Pronti a tornare agli albori? Il prossimo week-end il Museo storico Alfa Romeo di Arese dedica tre giorni all’esordio automobilistico di Enzo Ferrari, esattamente a 120 anni dalla nascita del “Drake”. In particolare, mette in primo piano sotto i riflettori le tappe del suo rapporto di lavoro con la Casa del Biscione. Un’occasione interessante anche per chi sa già tutto, dato che per la prima volta la raccolta espone un documento storico prezioso tra i suoi gioielli d’archivio: il contratto di assunzione di Ferrari in Alfa Romeo. E così, oltre ad approfondire uno degli aspetti più leggendari del motorismo italiano, “Ferrari, l’alfista” rende anche accessibile uno degli aspetti più inediti del patrimonio museale del Biscione, in linea con il concept dell’iniziativa del Comune di Milano (“Museo City”, 3-5 marzo) di cui fa parte.

Si comincia venerdì 2 alle ore 16.00, con una visita al percorso espositivo che sarà a disposizione gratuitamente (inclusa nel biglietto d’ingresso) anche il 3 e il 4 alla stessa ora. Sabato, poi, l’appuntamento è alle 17,30 con la conferenza intitolata proprio “Enzo Ferrari, l’alfista” di Luca Dal Monte, autore di “Ferrari Rex. Biografia di un grande italiano del Novecento” (Giunti/Giorgio Nada Editore). Con una carriera ai vertici della Comunicazione in Maserati, Ferrari e Pirelli Competizioni, il giornalista, che ha all’attivo anche il volume ufficiale del Centenario Maserati, ha tracciato con la sua ricostruzione un ritratto approfondito del Drake restituendogli un volto molto più umano di quanto finora conosciuto.

L’ultima giornata, quella di domenica, si preannuncia infine come la più movimentata. Quale migliore occasione di una caccia al tesoro incentrata su fatti, personaggi e macchine leggendari per farsi coinvolgere dalla storia? La formula si è già rivelata un successo lo scorso Capodanno, con gruppi di amici e famiglie che si sono mossi alla ricerca di una parola misteriosa non semplice da individuare – e, soprattutto, impossibile da rintracciare su Google (!). Una sfida “seria”, insomma, che torna domenica 4 a partire da una visita guidata alle 14,30 in cui è altamente consigliabile annotare e osservare bene lungo il percorso. E, come il primo gennaio, quando i componenti del team vincitore si sono aggiudicati, a sorpresa, un bozzetto originale del centro stile Alfa Romeo, anche stavolta il premio si saprà a soluzione trovata. Attenzione agli indizi, quindi, e in bocca… al Biscione!

Laura Ferriccioli

partecipa alla conversazione

Enzo Ferrari, gli anni in Alfa raccontati ad Arese

1 DI 5