McLaren F1, spunta (in vendita) un esemplare nuovo

A+ A-

Nel 1997 un appassionato giapponese ha acquistato una McLaren F1 ed è “riuscito” a lasciarla in garage in stato di ibernazione fino a oggi. L’unico scopo, all’acquisto, è stato, infatti, di attendere che, con il tempo, il suo valore aumentasse. Ora, quella che si profila come la più preziosa McLaren F1 del mondo, è in vendita. Quanto potrebbe valere una F1 ancora con gli imballi di fabbrica? Un sonoro schiaffo morale ai costruttori scatenati con le repliche ufficiali?

Lo scenario ha tutto il gusto del tanto sognato barn find (l’incommensurabile piacere di scovare – come un tesoro nascosto – un’auto dimenticata in una cantina o in un fienile dopo decenni di oblio) se non fosse che, in questo caso, si tratta di un capolavoro automobilistico ormai moderno e, particolare che rende la situazione ancora più surreale, completamente nuovo, ancora con gli imballi applicati dal costruttore all’abitacolo per salvaguardare pelle, tessuti e plastiche da indecorosi graffi prima della consegna. Perché, infatti, il proprietario della McLaren F1telaio 060 – di queste immagini ha effettivamente preso in consegna la sua vettura, salvo non averla mai targata.

Il cliente, un giapponese, nel 1997 acquistò la macchina (colore giallo Dandelion e interni in pelle grigia) ma con un unico (folle o intelligente?) obiettivo: conservarla nel suo stato originario e attendere che, con il trascorrere del tempo, la vettura acquisisse valore. Sicché il proprietario non ha percorso nemmeno un metro sull’asfalto (laddove, dichiara il dealer che ha in vendita la vettura) i 239 chilometri di tachimetro corrispondono unicamente a un test pre-consegna.

Inutile dire che lo stato della macchina è immacolato (non è mai stata immatricolata) e la sua dotazione è semplicemente eccezionale e, probabilmente, irripetibile. L’F1 telaio 060, infatti, oltre ad essere ancora ricoperta con gli imballi originali che proteggono l’abitacolo, è corredata di tutti gli accessori che venivano inclusi all’atto della consegna:

– elegante libretto istruzioni e tagliandi ancora “vergine”;
– orologio Tag-Heuer con il numero di telaio impresso sul quadrante;
– scatola degli attrezzi con componenti in titanio;
– set di valigie (rigorosamente imballato) che prendevano posto nei piccoli vani davanti al passaruota posteriore.

L’unicità dell’esemplare si completa con una serie di particolari di allestimento speciali richiesti dall’acquirente (ancora imballati):

– scarico di scorta in stile LM;
– volante di scorta in stile F1 GTR;
– sovra-tappetini;
– sedile in fibra di carbonio con logo F1 e cuscini aggiuntivi rimovibili;
– firma del progettista Gordon Murray sul fianchetto posteriore destro.

CONDANNATA A NON ESSERE MAI GUIDATA?
All’epoca avrebbe potuto essere considerato un gesto folle: privarsi del piacere di guidare un oggetto del desiderio di simile levatura, un capolavoro ingegneristico considerato tuttora, da molti, insuperato non avrebbe potuto giustificarsi in alcun modo.

Eppure, a venti anni di distanza, oggi la decisione dell’acquirente potrebbe aver generato la McLaren F1 più preziosa del mondo. Quanto potrebbe valere una McLaren F1 “nuova”? Senza dubbio “tanto”: le condizioni sono senza dubbio incoraggianti per produrre cifre anche irragionevoli.

Nel settore del collezionismo, dove anche i fondi di investimento creano collezioni milionarie e ne attendono la crescita di valore, l’indice di desiderabilità si fonda su rigorose: originalità dell’esemplare, chilometraggio più basso possibile. E quale migliore affare di una McLaren F1 che deve ancora essere targata per la prima volta a distanza di 30 anni?

L’unico aspetto “negativo” di un simile oggetto è che, ormai, il suo destino è segnato. Quest’automobile, probabilmente, rimarrà vergine per sempre per non intaccarne il valore collezionistico ed economico.

SCHIAFFO ALLE RECREATION?
Questo esemplare, inoltre, si rapporta inevitabilmente (almeno dal punto di vista della variabile “temporale”) con la moda degli ultimi tempi delle Continuation Series, “repliche originali” di storici modelli del passato, costruite ex-novo dalla Casa Madre secondo i crismi (processi artigianali, tecniche di produzione…) del progetto primigenio. L’elenco, a tal proposito, inizia ad essere consistente: Jaguar E-Type Lighweight Continuation e XK-SS ContinuationLand Rover Series IAston Martin DB4 GT ContinuationToyota Land Cruiser 70 ContinuationLister Knobbly Continuation, tutta la gamma Alvis e altre ancora).

Alvise-Marco Seno

Topic:

partecipa alla conversazione

McLaren F1, spunta (in vendita) un esemplare nuovo

1 DI 0