Meeting Internazionale di Garlenda, la carica dei “Cinquini”

Tutto pronto a Garlenda, nel Savonese, per la pacifica invasione di “Cinquini” che animerà le giornate dal 1° al 3 luglio, in occasione del Meeting Internazionale di Fiat 500, giunto quest’anno alla trentatreesima edizione.

Gli organizzatori del Fiat 500 Club Italia si attendono un migliaio di vetture, provenienti da mezzo mondo: Paese ospite di quest’anno sarà il Giappone, che verrà omaggiato dai padroni di casa con numerose sorprese, tra le quali una mostra, dedicata al Giappone ancestrale, nel Castello Costa del Carretto e un’esposizione di Kindsugi. L’evento ha assunto negli anni connotazioni che vanno ben al di là del semplice raduno motoristico: Garlenda, nota per essere la capitale mondiale del “Cinquino”, offrirà per un weekend un’atmosfera unica, fatta di passione, simpatia, musica, spettacoli di vario genere e buon cibo per le numerosissime famiglie presenti.

Tra le escursioni alla scoperta della Liguria e del basso Piemonte previste dal programma di quest’anno si segnalano una serata ad Alassio, con bagno notturno, una a Laigueglia, con gita in battello e l’ormai tradizionale Grand Tour enogastronomico tra le vallate della province di Imperia e di Cuneo.

Mumerosi anche i momenti di approfondimento e cultura, con la possibilità di visitare il suggestivo Museo della 500 “Dante Giacosa” (per l’occasione aperto con ingresso gratuito durante tutto il weekend) e diverse conferenze tenute dai commissari tecnici del club. Lo spettacolo più colorato sarà comunque nel cuore del raduno, in mezzo al migliaio di “Cinquini” presenti, tra i quali ci sarà modo di scoprire modelli rari ed esemplari customizzati all’insegna del divertimento e della simpatia: sarà anche l’occasione di festeggiare il 50° anniversario della Ferves Ranger, il più grande mercato ricambi dedicato alla 500.

E poi musica, spettacoli e il clima conviviale di chi si sitrova tra amici che condividono la stessa passione.

partecipa alla conversazione

Meeting Internazionale di Garlenda, la carica dei “Cinquini”