[Motoring art] Dai centri stile alle gallerie d’arte

La formazione professionale del pittore tedesco Markus Haub è piuttosto anomala rispetto a quella di tanti motoring artist. Passione sì, per le storiche e la pittura, ma anche una solida conoscenza della materia automobilistica, avendo conseguito una laurea in Transportation Design all’università di Pforzheim, in Germania. Attorno all’automobile Haub ha lavorato come fotografo, artista, designer, senza contare che in Volkswagen partecipa in gioventù a diversi progetti di stile su vetture Audi, Volkswagen, Seat, Lamborghini e Bentley. Poi l’esperienza in Renault, all’Advanced Design Studio di Barcellona, in Spagna, e quindi a Parigi, dal 2004 (per due anni), dove acquisisce le sue prime affermazioni come artista indipendente.

Nel 2008 arriva la serie di opere “Racing Legends”, che ritraggono vetture storiche – il suo grande amore – degli anni Sessanta e Settanta: Ferrari (alla Mille Miglia), Ford GT40 e Porsche 356 (alla 24 Ore di Le Mans), Porsche 904 e 917 e Jaguar E Type (sul circuito del Nürburgring). La sua tecnica mischia con grande perizia fotografia – scatta personalmente le immagini dei suoi soggetti, frequentando circuiti e manifestazioni varie per vetture storiche – elaborazione digitale e pittura su tela, dopo avere stampato l’immagine “manipolata” su carta.

Le sue opere hanno tratti distintivi molto personali, che si evidenziano nella combinazione fra macchie di colore e taglio grafico nella costruzione dell’immagine (qualcosa che ricorda però anche un’inquadratura fotografica). Haub ha esposto i suoi lavori, con un ottimo riscontro di pubblico e critica, in importanti manifestazioni in Francia, Germania, Inghilterra, Irlanda, Olanda, Spagna e Stati Uniti. Ed è stato ospite al Meilenwerk di Düsseldorf e al museo di Mulhouse, in Francia. Oggi è tornato a Barcellona, la città di Antoni Gaudì, culla europea dell’arte figurativa, dove risiede e lavora.

Le altre puntate di Motoring art: Enzo Del Bianco, Design by Gaber, Stefano Marchetti.

Dario Tonani

partecipa alla conversazione

[Motoring art] Dai centri stile alle gallerie d’arte

1 DI 7