Pirelli Collezione alla Milano-Sanremo

Parte oggi, dopo un prologo all’Autodromo di Monza, la tre giorni della Milano-Sanremo, gara di regolarità riservata a una settantina di vetture di grande pregio e valore storico, costruite tra il 1906 (anno della prima edizione) e il 1976 (tre anni dopo l’ultima edizione storica).

Non poteva quindi esserci palcoscenico migliore per Pirelli, uno dei main sponsor dell’evento, per presentare agli appassionati l’ultimo nato della sua famiglia Pirelli Collezione, che offre una gamma di pneumatici adatta a calzare le auto costruite tra il 1950 e il 1980: si tratta di “Stelvio Corsa”, appositamente progettato, unendo mescole avanzate e stile originale, per una vettura assoltamente straordinaria come la Ferrari 250 GTO del 1962, icona assoluta e senza tempo (nonché auto più costosa al mondo), che alle aste strappa prezzi di aggiudicazione nell’ordine delle decine di milioni di euro. Valga su tutti l’esempio più recente di un esemplare battuto nel 2014 a 38 milioni di dollari.

Nell’area Paddock Club del circuito brianzolo, da cui prende oggi il via la classicissima di primavera, Pirelli ha esposto oltre al nuovo “Stelvio” anche diversi altri modelli della collezione, come il “Cinturato CN72″ per Maserati e i “P7″ e “CN36″ per Porsche. Per lo sviluppo di questi pneumatici, gli ingegneri della Pirelli hanno usato gli stessi parametri utilizzati all’epoca dai designer per la progettazione della vettura, in modo da assecondare le regolazioni delle sospensioni e della meccanica originale.

partecipa alla conversazione

Pirelli Collezione alla Milano-Sanremo

1 DI 1