Riapre il Museo Fisogni dedicato alle stazioni di servizio

Nuova sede e nuovi pezzi attendono gli appassionati di motori e antiquariato che dal prossimo 26 aprile – dopo 15 anni di attesa – potranno tornare a visitare il Museo Fisogni (Tradate, provincia di Varese), dedicato alle stazioni di servizio.

Un viaggio nel tempo che parte nel 1892 e arriva al 1990. È la collezione di questo tipo più completa al mondo: sono infatti 5000 gli oggetti esposti che comprendono pompe per il rifornimento ma anche tutto ciò che ha “arredato” le stazioni di servizio dal 1892 al 1990. Una raccolta di targhe, compressori, oliatori, grafiche pubblicitarie, gadget e progetti grazie alla quale il Museo Fisogni, nel 2001, è stato insignito del certificato Guiness World Records.

Guido Fisogni, che lo ha fondato nel 1966, tiene però a precisare che non è solo la quantità a rendere esclusiva la collezione ma anche la peculiarità di alcuni pezzi. “Un esempio per tutti – dice – è la bombola del gas Petrogaz che si apre e diventa un portabicchieri e portabottiglie”. Per non parlare del caricatore di accendini Agip, che lo stesso Fisogni afferma di aver visto una sola volta in mezzo secolo di ricerche.

Data la completezza e l’importanza storica, la collezione è stata nel tempo messa a disposizione anche di studenti e studiosi per ricerche sull’evoluzione tecnologica e del design di distributori, ma anche di produzioni cinematografiche, televisive e pubblicitarie.

Per informazioni e orari di apertura: www.museo-fisogni.org

partecipa alla conversazione

Riapre il Museo Fisogni dedicato alle stazioni di servizio