[Video] Il nostro viaggio alla scoperta di Mazda

A+ A-

La storia della Ferrari la conoscono tutti. Anche quella della Maserati o della Lamborghini. Forse, invece, non tutti conoscono quella della Mazda, una casa automobilistica giapponese sicuramente meno blasonata, ma che ha saputo distinguersi sempre per scelte controcorrente e soluzioni tecniche destinate a lasciare un segno indelebile negli annali dell’automobile.

Una storia così affascinante che alcuni appassionati hanno scelto addirittura di dedicare una vita intera alla venerazione di questo marchio automobilistico. Come Andrea Mancini, fondatore di Miataland, un luogo magico sulle colline umbre, dove viene custodita la collezione di MX-5 più esclusiva del pianeta. O come Walter Frey, che ad Augusta, in Germania, ha radunato sotto lo stesso tetto il più alto numero di Mazda, andandole a scovare in ogni angolo del pianeta.

Entrambi hanno messo insieme un numero impressionante di modelli: Andrea ha 39 MX-5, una più esclusiva dell’altra, mentre Walter possiede addirittura 120 Mazda, di ogni tipo ed epoca. Questi due personaggi così eccentrici, però, sono accomunati anche da un altro aspetto, forse ancora più interessante. Sia Andrea sia Walter, infatti, hanno trovato nella condivisione una sorta di legittimazione a una passione che, altrimenti, rischiava di trasformarsi in una mania sterile e fine a se stessa. Convinti che una collezione non abbia senso di esistere nel buio di un garage, hanno scelto di mettere a disposizione degli appassionati di tutto il mondo il loro tesoro più prezioso.

Facendo visita a Miataland, per esempio, per un soggiorno da mille e una notte in un resort a cinque stelle con piscina e camera a tema, è possibile guidare una delle esclusivissime MX-5 di Andrea sulle magnifiche strade che si snodano sulle colline umbre. Walter, dal canto suo, ha deciso addirittura di trasformare la sua collezione in un vero e proprio museo. Un’esposizione permanente più grande e prestigiosa di quella che la stessa Mazda possiede nel suo quartier generale di Hiroshima.

Vi raccontiamo tutto attraverso tre video e un viaggio, a bordo di due MX-5: una Cherry Edition di ultima generazione e una M2 1002 di prima generazione che, nonostante l’età, ha digerito i 1000 km del percorso senza battere ciglio. Se volete avere qualche dettaglio in più su questa  avventura potete accedere qui.

Matteo Valenti

partecipa alla conversazione

[Video] Il nostro viaggio alla scoperta di Mazda

1 DI 0