WinteRace, sulla rotta delle Dolomiti - Ruoteclassiche
Attività
11 May 2021 | di Paolo Sormani

WinteRace, sulla rotta delle Dolomiti

Un fine settimana lungo le strade meravigliose di un patrimonio naturalistico tutelato dall’Unesco, circondati dalla bellezza di un museo viaggiante dell’auto classica: questa è la WinteRace, gara di regolarità come poche al mondo.

Qual è la competizione più piacevole ed esclusiva che ascende alla bellezza monumentale delle Dolomiti? Se la risposta più immediata è “Giro d’Italia” siete puntuali in tabella oraria, ma decisamente fuori strada. Sono le automobili d'epoca la prerogativa della WinteRace, la gara di regolarità invernale appartenente al campionato Super Classica di Aci Sport. Due giorni su e giù per le montagne più belle d'Italia, con partenza e arrivo da Cortina d'Ampezzo, la “Regina delle Dolomiti”. Fra i tornanti dei passi e le strade panoramiche più suggestive, piloti e navigatori attraversano le località turistiche più celebrate delle province di Belluno, Trento e Bolzano. Un percorso che regala emozioni ed esalta la bravura dei piloti, perché di gara vera si tratta comunque. Nelle due tappe di circa duecento chilometri ciascuna, gli 80 equipaggi ammessi affrontano 66 prove cronometrate a fotocellula al centesimo; più sei prove di media con rilevamento manuale al decimo di secondo, attraverso dieci passi dolomitici a temperatura... ambiente. Una parentesi spettacolare della WinteRace è costituita anche dalle “crono” sui circuiti innevati e ghiacciati, che richiedono pneumatici chiodati conformi al Codice della strada.

Il fuoco della competizione – più che mai rilevante considerando il termometro – è ravvivato dalla qualità delle auto iscritte pre-1977 e dalla presenza di piloti con il piede particolarmente sensibile. Nell'ottava edizione, per esempio, ha dato spettacolo sulla neve Thomas Biagi, campione del mondo della Classe GT, in gara su 911 ST 2.4 nei colori “Original Race”. Che la kermesse dolomitica sia un ottimo pretesto per passare un weekend in famiglia fuori ordinanza l'ha dimostrato anche l'iscrizione di ben otto equipaggi “padre e figlio”. Nel parco auto dell'edizione dello scorso marzo spiccavano la Ferrari 330 GTC del 1967 appartenente al collezionista Pierluigi Boglioli; e la Triumph TR3 del '58 guidata da Marcello Mastroianni nel film “La Dolce Vita”, condotta dall’attuale proprietario Filippo Berselli. Sbarazzina, anzi coraggiosa la presenza al via della piccola Trabant 601 S del 1964 con Daniela Pongiluppi al volante, in coppia con Mario Orsolin. Un'altra auto passata dalle buie sale del cinema alle nevi abbaglianti delle Alpi è la Fiat 130 Coupé del 1975 utilizzata nel film “Torino centrale del vizio” (1979) guidata da Simone Bertolero, l’organizzatore del Concorso d’Eleganza “Poltu Quatu Classic”, partner della WinteRace 2021. Ciliegina sulla torta: il vincitore della gara si porta a casa un prezioso cronografo della collezione “Laureato”, realizzato dalla maison orologiera svizzera Girard-Perregaux, che nel 2021 festeggia i suoi 230 anni di attività.

La candidatura al Best in Classic è supportata da un punto di forza comune ad altri grandi classiche della Regolarità: la bellezza del territorio. Le Dolomiti offrono panorami da cartolina attraverso monti, passi, valli e città storiche come Arabba, Dobbiaco e Corvara. L’edizione 2021 ha toccato l’incantevole villaggio di Siror dov’è nato il mercatino di Natale più antico del Trentino. Anche se è un evento relativamente giovane (la prima WinteRace è stata corsa nel 2013), il prestigio della Super Classica ha rapidamente valicato le Alpi e attira molti equipaggi anche dall’estero, in una stagione normalmente egemonizzata dagli sport invernali. Le richieste di iscrizione sono giunte da Svizzera, Regno Unito, Lussemburgo, Paesi Bassi, Belgio e Germania. Per questa e altre ragioni si svolge con il patrocinio dei Comuni di Cortina d’Ampezzo e di Primiero (San Martino di Castrozza), oltre a quello dell'ACI Treviso e dell'agenzia di promozione turistica regionale Veneto The Land of Venice. Da cinque anni la gara di regolarità ufficiale è affiancata dalla Porsche WinteRace, la passerella riservata a una trentina di Cavalline di Zuffenhausen costruite a partire dal 1977 e selezionate dall’organizzazione, con classifica e premi dedicati.

Best in Classic
Condividi
COMMENTI