Eventi
31 January 2020 | di Andrea Zaliani

10 Fiat da comprare ad Automotoretrò

Le Fiat da comprare a Torino? Ve ne presentiamo dieci, selezionate tra le numerose in esposizione alla rassegna piemontese. Alcune sono delle vere e proprie “chicche”

Come da tradizione Automotoretrò di Torino segna l’apertura del calendario dei grandi eventi motoristici italiani. Un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del settore. Noi, per l’occasione abbiamo deciso di mostrarvi da vicino una serie di modelli dall’indubbio fascino, attraverso dei video dedicati, a partire dalle 10 migliori Fiat. Ulteriore chicca: i modelli presi in questione, selezionati con cura dal nostro Gaetano Derosa, sono targati (quasi) tutti TO. Ad aprire le danze una stupenda Topolino, caratterizzata da un restauro conservativo, e una 600 del 1955, in condizioni originali.

Una Panda al top. Molto interessante anche la Panda 4x4 Sisley, con l’inclinometro sul cruscotto e il tettuccio apribile. Peccato solo per gl’interni, sprovvisti dei sedili di serie dell’epoca. Poco male, perché si tratta di un modello davvero interessante e tali componenti sono quasi introvabili. Pensate che pur di aver un modello in perfette condizioni ci sono appassionati che acquistano due vetture per “comporne” una. E che dire della 127 Special, in vendita a 5mila euro? Un esemplare del 1976, con interni conservarti e carrozzeria riverniciata. Dalla 127 alla… 128, con addirittura l’adesivo sul lunotto “in rodaggio” della concessionaria di Torino, proposta a circa 4mila euro.

Anche una 127 Rustica… La nostra panoramica prosegue poi con una Uno turbo: soli 60mila chilometri, 18 mila euro il prezzo di vendita. Altra rarità una seconda serie della 126 nella versione base, caratterizzata da una splendida livrea azzurrina. Ben tenuta di carrozzeria e con interni ripristinati, offerta a 6mila euro. La 127 Rustica, purtroppo, non è targata Torino, ma per Gaetano era un sacrilegio non parlarne e quindi è stata comunque presa in considerazione, anche perché il suo stato generale merita un plauso. E poi via con un “tris” di 127 davvero accattivanti.

Condividi
COMMENTI