1986: compare il primo display touchscreen su un’auto - Ruoteclassiche
Cerca
Auto / News
20/04/2015 | di Redazione Ruoteclassiche
1986: compare il primo display touchscreen su un’auto
L'avreste detto? Il primo dispositivo touchscreen su un'automobile fu montato la bellezza di 29 anni fa e disponeva di tecnologia... a tubo catodico. Com'è facile immaginare la vettura era un modello americano...
20/04/2015 | di Redazione Ruoteclassiche

Oggi ci impostiamo il navigatore, scegliamo la stazione radio, comandiamo il condizionatore, inviamo messaggi e molto altro ancora. Invece di levette e bottoni sul cruscotto tocchiamo dei simboli sullo schermo e succede di tutto. Il display touchscreen ha trovato spazio in quasi tutte le auto moderne. Ma pur dando l’impressione essere una tecnologia recente, il display touchscreen in realtà ha quasi trent’anni. Comparve infatti per la prima volta sulla Buick Riviera del 1986.

A differenza di schermi LCD contemporanei con grafica ad alta risoluzione e a colori, il primo schermo touchscreen era invece realizzato con un tubo catodico che proiettava delle scritte e dei simboli molto elementari  di colore verde su uno schermo a sfondo nero. Quello della Buick Riviera era un display 3 x 4 pollici che consentiva al conducente dell’auto di impostare la radio e il clima o ricevere la diagnosi dell’auto, i dati sul consumo e sul viaggio, il trip computer e i livelli di acqua, olio, batteria, oltre al numero di giri (clicca qui per vedere il video promozionale).

Una grande novità per l’epoca. Che però, inizialmente, non ebbe il successo sperato. La Casa ne bloccò l’impiego nel 1990 dopo che un cospicuo numero di proprietari trovarono il sistema oneroso e responsabile di numerose e pericolose distrazioni da parte dei conducenti. In sostanza, violava il primo comandamento della scienza ergonomica poiché costringeva a distogliere lo sguardo dalla strada per inserire delle modifiche. Non che oggi sia diverso. Ma perché privarsene? 

G.M.

TAGS Buick
COMMENTI
In edicola
Segui la passione
Giugno 2024
In copertina su Ruoteclassiche di giugno la "mamma" di tutte le Lancia Delta da rally, recentemente restaurata da Miki Biasion. Restauro integrale anche per la Mercedes 2 litri che partecipò alla Targa Florio di 100 anni fa e Test a test per due piccole coupé come la Ford Puma e la Opel Tigra. Oltre a un test esclusivo sui biocarburanti condotto con l'Asi e molto altro ancora
Scopri di più >