News / Personaggi
24 marzo 2017 | di Redazione Ruoteclassiche

Addio a Tomas Milian, simpatica canaglia “romana”

Se ne è andato Tomás Quintin Rodriguez, meglio conosciuto come Thomas Milian: addio a Nico Giraldi e a "Er Monnezza". L'attore cubano (naturalizzato italiano nel 1969) aveva 84 anni. Ha recitato con Visconti e Zeffirelli ma è stato consacrato alla fama dai "poliziotteschi" all'italiana anni 70. Fu "italianizzato" grazie al magistrale doppiaggio di Ferruccio Amendola (voce anche di Dustin Hoffman, Robert De Niro e Sylvester Stallone).

L'attore cubano, figlio di un militare del dittatore Machado, assitette giovanissimo al suicidio del padre. Studiò teatro a Miami e, successivamente all'Actor's Studio di New York. Nel '59, dopo qualche lavoro teatrale e televisivo, partì per l'Italia dove fu notato, al Festival di Spoleto, da Mauro Bolognini. Fu scritturato dalla Vides di Franco Cristaldi e, fino al '66, recitò ruoli impegnati con registi del calibro di Pasolini, Lattuada, Visconti e altri. Ma non essendone soddisfatto, cambiò genere e si dedicò agli spaghetti-western ("The Bounty Killer", "La resa dei conti", "I quattro dell'apocalisse") iniziando ad accrescere la sua fama.

IL "POLIZIOTTESCO"

Negli Anni 70 avvenne la sua vera ascesa. Divenne protagonista nel genere cosiddetto "poliziottesco" all'italiana, all'epoca considerato di bassa lega ma oggi assurto al rango di vero e proprio cult movie. Nel 1976, nel film "Il trucido e lo sbirro" di Umberto Lenzi, comparve per la prima volta il personaggio de "Er Monnezza" (soprannome del personaggio Sergio Marazzi), poi riutilizzato per le due successive pellicole "La banda del Trucido" e "La banda del gobbo", entrambe del '77.

Da queste opere, appartenenti al genere della commedia, Tomas Milian fece un nuovo salto nel genere "poliziottesco". Il nuovo personaggio del Maresciallo Nico Girardi (diventato ispettore nel 1981) verrà interpretato fino al 1984 in undici film: "Squadra antiscippo" (1976), "Squadra antifurto" (1976), "Squadra antitruffa" (1977), "Squadra antimafia" (1978), "Squadra antigangsters" (1979), "Assassinio sul Tevere" (1979), "Delitto a Porta Romana" (1980), "Delitto al ristorante cinese" (1981), "Delitto sull'autostrada" (1982), "Delitto in Formula Uno" (1984), "Delitto al Blue Gay" (1984).

Il successo di queste pellicole, si deve, oltre alla caratura del personaggio (barba lunga, capelli lunghi, tuta blu da meccanico, scarpe da ginnastica), soprattutto al doppiaggio di Ferruccio Amendola, che contribuì in modo decisivo a plasmare il suo ruolo attraverso il linguaggio: una dialettica con flessione esageratamente romanesca e particolarmente volgare. A fargli da spalla in molti di questi film, un altro personaggio simbolo delle produzioni del periodo: Franco Lechner in arte Bombolo.

Non mancarono, in queste pellicole, le automobili simbolo di quegli anni, specialmente Alfa Romeo. Nei film "poliziotteschi" di quegli anni le Alfa Romeo Giulia delle forze dell'ordine erano proagoniste assolute negli inseguimenti. Lo stesso Maresciallo Girardi, provetto guidatore, "In Delitto al Ristorante Cinese" ci mostra, nonostante una gamba ingessata, la sua perizia al volante di un'Alfa Romeo Giulietta.

GLI ALTRI GENERI

Oltre al "poliziottesco", Milian recitò anche nella commedia erotica italiana ("40 gradi all'ombra del lenzuolo" con Edwige Fenech; "Uno contro l'altro, praticamente amici", con Anna Maria Rizzoli e Bruno Corbucci.

Tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 80 tentò il ritorno ai generi più impegnati degli esordi cinematografici ma, nonostante recitazioni importanti per Bernardo Bertolucci ("La Luna") e Michelangelo Antonioni ("Identificazione di una donna") non raccolse il successo sperato. Dopo la fine del personaggio di Nico Girardi sembrò essere entrato in un periodo di declino. All'inizio degli anni 90 tornò in America per lavorare in imporanti produzioni televisive per registi molto famosi (tra cui Oliver Stone e Steven Spielberg).

Nel 2013 ha ricevuto il Marc'Aurelio Acting Award alla carriera al Festival Internazionale del Film di Roma.

Marco-Alvise Seno

Condividi
COMMENTI