Eventi
12 June 2020 | di Laura Ferriccioli

Auto e Moto d’Epoca: appuntamento ad ottobre

L’organizzazione di Auto e Moto d'Epoca alla fiera Padova conferma le date per l’edizione 2020: dal 22 al 25 ottobre.

È il punto d'incontro italiano numero uno per chi ama le auto d'epoca. Un appuntamento irrinunciabile e di richiamo internazionale per collezionisti, venditori e appassionati del genere. Ogni anno alla fiera Auto Moto d'Epoca di Padova si trova la più vasta offerta di storiche con oltre 5mila auto in vendita, e reparti enormi dedicati ai ricambi originali e all'automobilia. Ancora, motociclette, Instant Classic, modellismo, aree riservate ai club e all'abbigliamento vintage. Una fiera che l'anno scorso ha registrato oltre 130mila visitatori, in controtendenza rispetto ai maggiori eventi di settore, e ha visto compratori anche da Canada, Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica e Brasile.

Gioia per gli occhi. “L'anno scorso abbiamo assistito alla partecipazione straordinaria di pezzi unici come la Itala della prima Pechino Parigi del 1907; o capolavori del design quali una Bizzarrini 5300 GT del 1968 e una Ferrari 275 GTB/4 del 1967 esposte dalla Fondazione Macaluso”, ha ricordato Mario Carlo Baccaglini, che da oltre trent'anni organizza la fiera ed è stato premiato nel 2019 al prestigioso “Concorso Italiano” nell'ambito della Monterey Car Week.

Un punto di riferimento. La prima buona notizia dell'edizione 2020 è che il periodo, dal 22 al 25 ottobre, è confermato. Diverse saranno le sorprese che, come di consueto, ripercorreranno in grande stile la storia dell'automobile attraverso rassegne ed esposizioni di rarità, mentre stavolta si attendono parecchie novità anche tra i dealer specializzati: non solo verranno confermati i protagonisti dell’edizione 2019, ma molti commercianti saranno anche a Padova per la prima volta, complici i tanti eventi europei cancellati durante il lockdown nella prima metà dell’anno. “La Fiera è il punto di incontro della cultura e dell'amore per l'auto d'epoca. Un mondo che non vede l'ora di incontrarsi dopo la lunga pausa”, conclude il fondatore.

Condividi
COMMENTI