AutoItaliana ha rimesso in produzione la spilla da giacca - Ruoteclassiche
News
06 April 2022 | di Redazione Ruoteclassiche

AutoItaliana ha rimesso in produzione la spilla da giacca

Dallo stampo originale realizzato da OMEA negli anni 60, una serie speciale in argento 925 smaltata a fuoco della spilla di AutoItaliana. Un oggetto prezioso, unico ed elegante, in tiratura limitata.

Sembra una storia d'altri tempi e per certi aspetti lo è. Come una specie di barn find, quantomeno per noi, perché Emilio e Luigi Candiani di OMEA probabilmente sapevano bene dove andare a cercare. Ne avevamo trovata una per caso, di quelle spille da giacca con la monoposto anni Cinquanta e la scritta "Auto Italiana". E lì, in quell'atmosfera magica del loro capannone, parlando di storia e di storie, di stampi e di smalti, era saltato fuori un disegno... "Il marchio e la relativa pin da giacca di Auto Italiana ha sonnecchiato per tutti questi circa settant’anni tra quelle risposte; si tratta di una riscoperta che nasce da una casualità, dallo scartabellare di Luigi in archivio e dal suo inaspettato imbattersi nel disegno del marchio della rivista. E di solito, si può esserne pressoché certi, alla Omea se c’è un disegno originale, di quel disegno esiste anche lo stampo". Da AutoItaliana Autunno 2021: se ve lo siete perso, cliccate qui e immergetevi nel sogno.

La spilla da giacca di AutoItaliana è rinata così, come rinascono le automobili che ci piacciono nelle botteghe dei maestri restauratori. Non è né una riproduzione men che meno una replica: ci piace pensare che si una continuation series, come certi gioielli a quattro ruote che tornano dal passato per mano degli stessi creatori di una volta. Realizzata con la tecnica più elegante, quella dello smalto a fuoco, a mano, una per una. Il che spiega anche la disponibilità limitata: guardate la fotogallery e vi renderete conto della poesia di quelle lavorazioni. Le spille, quelle che restano quantomeno, sono disponibili sul nostro sito, raggiungibile cliccando su uno dei pulsanti azzurri in questa pagina.

Condividi
COMMENTI