BENVENUTI SETTANTA - Ruoteclassiche
News
11 May 2012 | di Redazione Ruoteclassiche

BENVENUTI SETTANTA

Arriva in edicola a giugno il primo dei due volumi dedicati agli anni 70 appartenenti alla collana "Le macchine dei nostri migliori anni" (9,90 euro, solo rivista 5,20 euro). Attentati e scioperi caratterizzano l'esordio del decennio, pesantemente influenzato dalle tensioni sociali sviluppatesi negli anni 60.

Ne risente anche l'industria automobilistica, che perde consistenti numeri di produzione, mentre l'automobile stessa è messa sotto accusa, come emblema dei valori borghesi (sono in tanti quelli che non hanno più il coraggio di circolare a bordo di una berlina di lusso o di una granturismo).

In questo quadro allarmante l'automobile compie comunque un notevole progresso tecnico, che vede l'affermarsi delle utilitarie a trazione anteriore, introdotte da un modello fondamentale come la Fiat "127". Nello stesso periodo continua il successo delle sportive della Casa torinese - "850 Sport" e "124 Sport" (coupé e spider) - mentre la Lancia presenta la "1600 HF", top della gamma "Fulvia Coupé".

In Germania la Opel fa debuttare la "Manta" per contrastare il grande successo della Ford "Capri"; la Mercedes, con la "350 SL", dà il via alla serie "R107", discendente della favolosa "Pagoda"; la Porsche sviluppa verso l'alto la gamma "911" con la cattivissima "Carrera 2.7 RS". Nel 1973 la guerra del Kippur innesca una crisi petrolifera e la conseguente "austerity", che metterà a dura prova l'esistenza delle grosse cilindrate: tempi duri quindi per la Dino "246 GTS" e per la Lamborghini "Miura SV", oggi considerate tra le pietre miliari del design made in Italy.

Condividi
COMMENTI