Al cinema in Alfa Romeo - Ruoteclassiche
Automobili
09 August 2021 | di Paolo Sormani

Al cinema in Alfa Romeo

Sul grande schermo le auto del Biscione sono state protagoniste vere. Il loro rapporto con la Settima Arte ha spinto un gruppo di appassionati a fondare l’Associazione CinemAlfa, che nel 2021 festeggia il decennale con più di un evento.

Impossibile immaginarsi un film “poliziottesco” all’italiana degli anni Sessanta e Settanta senza una Giulia Super, un’Alfetta milleotto o una GT Junior che spremono i motori in un inseguimento. Queste sequenze spericolate hanno unito gli appassionati di due arti: la Settima, cioè il cinema. E quella che nominiamo d’ufficio l’Ottava, cioè quella di disegnare, progettare e costruire automobili belle, sportive e veloci. Come le Alfa Romeo. Gli appassionati di entrambe si sono ritrovati nell’Associazione CinemAlfa, fondata da tre amici il 7 ottobre del 2011 presso il Museo Mille Miglia di Brescia. Oggi questa realtà ha superato i quattrocento soci sparsi in tutta Italia, più alcuni distribuiti fra Svizzera, Germania e persino Stati Uniti. Fra le tessere onorarie, quelle rilasciate a Lorenzo Ardizio, curatore del Museo Storico Alfa Romeo di Arese; al regista Marco Tullio Giordana e ai fratelli Michele e Gerardo Placido, appassionati Alfisti. Nell’ambito delle celebrazioni del decennale, CinemAlfa sta per consegnare due ulteriori tessere onorarie ad Arcangelo Jeker e Zbigniew Maurer, già senior designer del Centro Stile Alfa Romeo.

La cinepresa di CinemAlfa ha continuato a girare, nonostante i tre lockdown degli ultimi diciotto mesi. Lo spiega Ivan Scelsa, giornalista e scrittore (quest’estate a Monza ha presentato “Alfa Romeo 156” per la collana “Le vetture che hanno fatto la storia” di Giorgio Nada Editore), nonché presidente del sodalizio fin dalla sua fondazione. Lo scorso maggio, CinemAlfa ha organizzato un raid nazionale a scopo benefico: “In cinque giorni, 18 dei nostri soci hanno percorso 2.500 chilometri a bordo di cinque Alfa Romeo d’epoca supportate da una Stelvio. Hanno visitato musei, strade e borghi bellissimi d’Italia. Soprattutto, hanno portato voucher e beni strumentali ai bambini ospitati in sei fra case-famiglia e comunità di diverse regioni, che avrebbero avuto difficoltà ad accedere a cure dentarie”. Il raid è stato anche l’occasione di fare una sosta a Felonica, in provincia di Mantova, per visitare la collezione privata di Alfa Romeo raccolta da Luca Pulga, pure socio di CinemAlfa. Il raid ha avuto degna conclusione al Museo Fratelli Cozzi di Legnano, partner dell’evento.

Nella capitale del cinema. Un altro momento importante del decennale di CinemAlfa è stato l’evento organizzato lo scorso luglio nel parco a tema Cinecittà World. Qui l’associazione ha parcheggiato una ventina di Alfa Romeo d’epoca, tutte attrici non protagoniste di film. Ospiti speciali, diversi attori fra i quali il palermitano Rosario Terranova, uno dei protagonisti della serie tv di successo “Maltese – Il romanzo del commissario”. Sempre a Cinecittà, stavolta quella vera, CinemAlfa terrà il raduno del Decennale nel fine settimana dell’11 e 12 settembre. Le vetture-attrici del Biscione saranno esposte sul set dell’Antica Roma, con la presenza di ospiti dello spettacolo, prima di raggiungere la Villa d’Este di Tivoli. Sempre nella Capitale, l’associazione ha pensato di allestire un’inedita “sede mobile” su un furgone Alfa Romeo AR6, per seguire direttamente sui set le auto impegnate nella lavorazione di film e serie televisive. Nel frattempo, il 22 agosto ci sarà anche il tempo di inaugurare la terza sede a Rossano Calabro, in provincia di Cosenza, che si aggiungerà a quelle di Caravaggio (Bergamo) e Gioia del Colle (Bari).

La candidatura al Best in Classic è motivata da un’attività prolifica “su strada” fra raduni, eventi e conferenze, anche in supporto alla Mille Miglia Storica e alla Scuderia del Portello. A differenza di altre associazioni, CinemAlfa può contare anche su un lungo curriculum artistico. In due lustri, le sue Alfa Romeo sono comparse in decine di “corti” e lungometraggi di caratura internazionale, fiction televisive, videoclip musicali e pubblicitari. Qualche titolo per farsene un’idea: “All The Money In The World” di Ridley Scott, la fiction RAI “Era santo, era uomo” sulla vita di Giovanni Paolo II; e poi “Maltese – Il romanzo del commissario”, “Quelli della Giulia” e “La strada dritta”, produzione RAI sulla nascita dell’Autostrada del Sole con il compianto Ennio Fantastichini. Unico esempio di club automobilistico del genere in Italia, nato dalla passione per il mondo dell'auto d'epoca e del cinema, CinemAlfa promuove iniziative volte a rafforzare il legame fra questi due mondi apparentemente diversi, ma che in realtà hanno attraversato insieme la cultura di massa del Novecento e l’inizio del nuovo millennio.

Best in Classic
Condividi
COMMENTI