News
22 December 2012 | di Redazione Ruoteclassiche

DB5 e Chitty Chitty Bang Bang: cos’hanno in comune?

Che cos’hanno in comune l’Aston Martin “DB5” di James Bond e la Chitty Chitty Bang Bang dell’omonimo film del 1968? Di primo acchito viene da pensare ai gadget di cui sono generosamente equipaggiate entrambe. La risposta però non è così evidente. In realtà, pochi sanno che le ha create lo stesso scrittore: Ian Fleming (1908-1964), il papà dell’Agente 007 che proprio quest’anno torna prepotentemente alla ribalta nel cinquantenario di James Bond al cinema.

Il romanzo per ragazzi “Chitty Chitty Bang Bang, The Magical Car” venne pubblicato per la prima volta da un editore londinese nel 1964, undici anni dopo la prima comparsa di James Bond nel romanzo “Casino Royal”. Il 15 maggio dello scorso anno una delle vetture usate per la pellicola della Disney fu venduta a Los Angeles per 495.415 sterline (quasi 615mila euro), a fronte di una valutazione, però, più che doppia.

TAGS james bond
Condividi
COMMENTI