News
22 April 2020 | di Marco Di Pietro

Citroën: esplorare il passato nel suo museo virtuale

Anche Citroën utilizza il web per stare vicino agli appassionati di auto storiche durante il distanziamento sociale: il suo museo virtuale si arricchisce di immagini provenienti dall’Institut National de l’Audiovisuel e inizia una collaborazione con il filosofo Luc Ferry attraverso i podcast.

Lanciato nel 2016, il museo virtuale Citroën Origins (www.citroenorigins.it) è uno spazio privilegiato che offre un’esperienza immersiva nella storia della Marca. All’interno di questo museo, tutto è permesso, anche sedersi al volante dei modelli iconici del brand. Citroën Origins contiene una collezione di oltre 80 modelli iconici Citroën ed è accessibile in 65 Paesi, con 2,7 milioni di visualizzazioni dal suo lancio. Propone un’esperienza immersiva inedita a bordo dei modelli, nelle immagini in 3D (interni/esterni) e nei suoni.

Nuovi contenuti. Dopo aver aperto la sua piattaforma editoriale che guarda al presente e al futuro, Citroën ora offre la possibilità di esplorare il passato con il suo museo virtuale Citroën Origins che si arricchisce di contenuti audio-visivi provenienti dall’INA (Institut National de l’Audiovisuel)e che sono raccolti all’interno della sezione Vintage Records.

Itinerario in 5 tematiche. Questo viaggio attraverso il tempo è organizzato secondo 5 tematiche e potrà essere scoperto nel corso dei mesi: la prima si intitola “Ritorno verso Citroën & you” e illustra come la marca francese ha sempre accompagnato le nostre vite, dai veicoli della Croce Rossa, alle prime vetture postali, fino ai viaggi per le vacanze. La seconda è “Ritorno verso Citroën & le celebrità”, dal Presidente della Repubblica Pompidou, a Roland Barthes o Bourvil, sono numerose le personalità che hanno guidato delle Citroën. La terza tematica ha come titolo “Ritorno verso Citroën & il futuro”, sul design e le tecnologie che hanno segnato la storia di Citroën, come mostrano le immagini provenienti dall’INA. Il quarto itinerario è “Ritorno verso Citroën & l’avventura”, che ha per tema le crociere e le altre avventure automobilistiche nelle quali la Marca si è distinta, sin dalla sua nascita, attraverso i continenti. Infine la quinta sezione è “Ritorno verso Citroën & i record”: attraverso le competizioni e i rally, le immagini danno l’opportunità di ripercorrere i successi sportivi di Citroën.

La Citroën raccontata in 5 podcast. Un secondo appuntamento è proposto su Citroën Origins sotto forma di podcasts inediti: (POP)ULAIRE con il filosofo Luc Ferry. Nel 1919, André Citroën ha dato il suo nome alla Marca automobilistica che aveva appena creato, e si era anche dato una missione: rendere l’Automobile accessibile alla maggior parte delle persone. Da quel momento, Citroën è diventa una Marca popolare. Ma quali sono le ragioni della popolarità? Luc Ferry risponde alla domanda attraverso 5 file audio di circa 5 minuti ciascuno, diffusi ogni settimana a partire dal 9 aprile in Citroën Origins.

Il filosofo di Le Figaro. Lo studioso francese, che all’interno del popolare quotidiano Le Figaro mette regolarmente le sue conoscenze a disposizione di tutti per far comprendere il mondo in cui viviamo e l’attualità, attraverso (POP)ULAIRE propone una riflessione che può essere storica, filosofica, ma anche tecnica. Il motivo del legame del filosofo con la Marca è poco conosciuto: è figlio di un preparatore di auto e lui stesso pilota esperto. All’interno del podcast, analizza la popolarità in tutti i suoi aspetti, mettendo in evidenza modelli iconici di Citroën. I 5 episodi si intitolano: “Come una Marca diventa popolare?”; “Essere popolare, significa essere universale. Come diventò la 2CV, con oltre 5 milioni di unità vendute”; “Essere popolare, significa essere utile. Come sarebbe stato il Type H sin dal suo lancio nel 1948”; “Essere popolare, significa rimanere popolare con il passare del tempo. Come nel caso della Méhari”; “Essere popolare, significa essere un simbolo. Come la DS, con il suo design e la sua tecnologia”.

Riflessioni in libertà. Attraverso questa serie prodotta con video accompagnati da un’elegante grafica, Luc Ferry unisce ricordi, conoscenze e riflessioni filosofiche in libertà. I cinque episodi condurrano sulle strade del Sud della Francia oppure in Svizzera, attraverso lo spazio e il tempo, per uno splendido viaggio che si può fare anche restando nelle nostre case.Il primo episodio di (POP)ULAIRE è disponibile in francese, su Citroën Origins.

Condividi
COMMENTI