In edicola
01 dicembre 2013 | di Redazione Ruoteclassiche

Con dicembre Ruoteclassiche vola a 300

Con il fascicolo di dicembre, Ruoteclassiche festeggia la sua trecentesima uscita; traguardo questo raggiunto in 26 anni (a partire da novembre 1987) dopo qualcosa come circa 45.000 pagine pubblicate e oltre 3000 automobili. C'era quindi un motivo in più, quest'anno, per allestire un numero natalizio ricco di contenuti speciali.

Si comincia con la Fiat "2300", che campeggia in copertina. Oltre però all'elegante ammiraglia di Torino dotata di doppi fari, pinne, cromature e motore a sei cilindri in linea con testa progettata da Aurelio Lampredi, viene presentato un ricco reportage da Auto e Moto d'Epoca di Padova (14 pagine), nell'edizione del trentennale, autentica cartina tornasole di come il settore delle "storiche" riesca a tenere botta nonostante la crisi; Ruoteclassiche ha sondato il polso degli operatori professionali girando tra gli stand e ha registrato l'ultimo atto - le premiazioni finali - del concorso "Povere ma belle", giunto alla sua seconda edizione padovana.

"Regina del passato" è la Bentley "S3 Continental Drophead Coupé" Graber del 1954, ultima fuoriserie realizzata sul vecchio telaio a longheroni della Casa, nell'esemplare "personalizzato" dal primo proprietario (austriaco) - Hans Fritz - attarverso l'iniziale "F" montata sul radiatore al posto della classica mascotte.

Le nostre "Impressioni" sono dedicate all'Alfa Romeo "1900 SS" Touring (1957), alla Fiat "1100 E Zagato" (1952), alla Lotus "Elan +2S 130/5" (1973), alla Iso "Isetta" (1953) e alla Siata "Spring 850" (1967).

Per le youngtimer, riflettori accesi sulla BMW "M5" (1998-2003). In occasione della seconda uscita annuale delle nostre quotazioni relative alle due ruote, la rivista propone anche le prove di due moto: le Gilera "RV 125" ed "RV 200".

E poi ancora, cinque pagine sui regali di Natale a tema automobilistico, il Club delle ottantenni, i ritrovamenti, le aste del mese, la posta dei lettori, gli appuntamenti e il nostro mercato. E tanto tanto altro ancora...

Condividi
COMMENTI