Regolarità
25 March 2019 | di Redazione Ruoteclassiche

Coppa Piave, grande attesa per il 70° anniversario

Ad Asolo e dintorni, nel trevigiano, l’11 maggio si celebrerà il settantesimo anniversario della Coppa del Piave, manifestazione Aci Sport per auto storiche, youngtimer e moderne.

Cresce l’attesa tra gli appassionati per un’edizione speciale, quella del settantesimo anniversario: sabato 11 maggio 2019 i riflettori saranno puntati sulla Coppa del Piave Revival, appuntamento del calendario Aci Sport valido per il Campionato Italiano Regolarità Classica e Auto Moderne e prova unica del Campionato UNVS di Regolarità Turistica Auto Storiche e Moderne.

Ce n’è per tutti i gusti. Spazio quindi, oltre alle classiche tout court, anche alle youngtimer e alle auto moderne. Il percorso di gara, a differenza delle edizioni storiche, sarà tutto su asfalto, ma non per questo mancherà il sapore della sfida: le tappe si preannunciano tecniche e impegnative. La corsa si divide in due manche, gara 1 e gara 2, entrambe con prove cronometrate a ingresso libero. I percorsi, seppure diversi, hanno qualche passaggio in comune e si sviluppano su una distanza di 140 chilometri ciascuno. Oltre 40 i rilevamenti.

Andata e ritorno in giornata. Il quartier generale della manifestazione è all’Hotel Canova di Cavaso del Tomba: è qui che, sabato 11 maggio, a partire dalle 08.30 cominceranno le verifiche sportive. Alle 12.30 semaforo verde, con la partenza di gara 1 e arrivo le Verifiche Sportive si terranno sabato alle ore 08:30 e alle ore 12:30, la classica partenza di Gara 1 con arrivo alle ore 16:30 presso la sede di Foss Marai, azienda vinicola specializzata nella produzione di spumanti Valdobbiadene e partner della corsa. Qui ai partecipanti verrà offerta una merenda in vista della partenza della seconda manche, fissata alle 17.30. Alle 21.30 ad attendere gli equipaggi, dopo altri la seconda “maratona” di 140 chilometri, un’elegante cena preparata dal ristorante dell’Hotel Canova.

Classiche e moderne. Ciascuno dei due percorsi di 140 chilometri prevede 4 controlli orari e altrettanti rilevamenti di precisione distribuiti lungo la salita al Monte Tomba e la discesa dal Madean, la salita al Monte Grappa, al Monte Pallone e alla Forcella Mostaccin con transito finale all’ormai famoso Zadraring (teatro della prova spettacolo del Rally della Marca). Dopo il tramonto i driver potranno cimentarsi in prove di navigazione e precisione, prendendo parte a una gara per auto moderna aperta anche alle storiche. A chi volesse unirsi alla festa post-gara, l’Hotel Canova riserverà prezzi di favore per il pernottamento e la colazione.

Condividi
COMMENTI