Da Aston Martin nuovi motori per le sue auto storiche - Ruoteclassiche
Cerca
News
14/05/2023 | di Roberto Barone
Da Aston Martin nuovi motori per le sue auto storiche
La divisione heritage del marchio britannico li produce con tecniche moderne, ma rispettando le specifiche originali
14/05/2023 | di Roberto Barone

Gli appassionati e i fortunati proprietari di auto classiche Aston Martin non vengono mai lasciati da soli. Lo dimostra l’attenzione del brand nel reperire e riprodurre parti di ricambio per i suoi gioielli d’antan. Aston Martin Works, la divisione del marchio inglese specializzata nelle vetture storiche, infatti, offre blocchi motore, cilindri e trasmissioni per una varietà di vetture d’epoca, tra le quali la DB4, la DB5 e la DB6 oltre a vari modelli V8 prodotti negli anni Sessanta e Settanta.

Dedicati ai petrolhead. Mentre si registra una crescente richiesta per trasformare i modelli storici in auto elettriche (il marchio britannico ha creato un servizio ufficiale ad hoc), un trend che unisce due mondi apparentemente agli antipodi, sono ancora la maggioranza i puristi petrolhead che inorridiscono all’idea e non intendono rinunciare alla sensazione di guida che, a parer loro, solo un motore a combustione interna può regalare. Proprio a loro si rivolge la divisione heritage di Aston Martin.

Specifiche originali. Naturalmente i componenti, pur destinati alle auto classiche vengono sviluppati secondo le tecniche più moderne. Aston Martin, infatti, grazie all’esperienza e al know how dei suoi ingegneri ha realizzato strumenti evoluti per produrre le parti di ricambio seguendo rigorosamente le specifiche originali. Ciò permette di esaudire gran parte della domanda. In alcuni casi specifici, tuttavia, la Casa ha collaborato anche con i fornitori dell’epoca per poter riprodurre alcune parti di ricambio: un esempio sono le trasmissioni, che vengono fornite dalla tedesca ZF.

Certificazione ufficiale. Le parti vengono fornite con una documentazione del costruttore che certifica si tratti di parti ufficiali, attestazioni che possono rivelarsi fondamentali per i proprietari che desiderano mantenere il valore e l’originalità delle loro auto.La Casa britannica dal 2015 offre anche un programma specifico, l’Aston Martin Assured Provenance, per verificare e garantire la provenienza delle proprie auto d’epoca.

Quotazioni al sicuro. La disponibilità di parti classiche consentirà, inoltre, ai proprietari che amano guidare regolarmente le proprie vetture, la possibilità di sostituire - e conservare gelosamente - gli originali con ricambi moderni, mettendoli al riparo da rotture, ancor più quando parliamo di propulsori, che potrebbero diminuire il valore di rivendita del proprio mezzo.

COMMENTI
In edicola
Segui la passione
Febbraio 2024
In copertina sul numero di febbraio di Ruoteclassiche due utilitarie popolari che oggi sono inseguite dai collezionisti: la Fiat 126 e la NSU Prinz 4L
Scopri di più >