Eventi
25 October 2019 | di Andrea Zaliani

Due modelli iconici della Citroën alla Fiera di Padova

Ad Auto e Moto d’Epoca 2019 la Citroën, attraverso uno stand curato dal proprio Centro di Documentazione Storica, espone una Type A e una Traction Avant

Durante l’importante appuntamento padovano con il mondo Heritage la Citroën celebra al meglio il suo centenario, esponendo due modelli dal notevole rilievo storico. Il pubblico presente alla kermesse può infatti osservare da vicino una Type A 10HP del 1919 e una Traction Avant 11BL Performance del 1956.

La Capostipite. La Type A (o 10 HP come viene battezzata inizialmente, arrotondando per eccesso il valore della potenza fiscale di 8 cv) rappresenta la prima vettura commercializzata dal marchio a partire dal 1919, nonché una delle prime auto francesi prodotte in grande serie. Il suo motore è un 4 cilindri in linea di 1327 cc e sviluppa una potenza di 18 cv, per una velocità massima di 65 km/h, mentre il cambio è a tre rapporti. I freni, a tamburo e azionati da pedale, agiscono solo sulle ruote posteriori. Nel corso della sua carriera verrà poi proposta in più versioni. Il successo della Type A 10 HP sarà tale da portare nel 1921 alla creazione della B2, cronometrata a 73 km/h, e in seguito alle Type B10, B12 e B14. Nel frattempo, questo modello si adatterà alle esigenze di mobilità di un mondo in continua evoluzione, grazie alle versioni taxi, ambulanza e furgoncino.

La Traction Avant. Il 18 aprile 1934 rimane per la Citroën una delle date più importanti della propria cronistoria: in quel giorno il patron André Citroën svela la 7A, vettura rivoluzionaria che passerà alla storia con l’appellativo di Traction Avant. Frutto della collaborazione con l’ingegnere André Lefebvre e il designer Flaminio Bertoni sarà l’ultima auto lanciata da André prima della sua scomparsa, nel 1935. Più bassa ed aerodinamica rispetto ai modelli precedenti, riscrive i codici stilistici e quelli tecnici. Rappresenta, tra l’altro, la prima auto monoscocca prodotta in grande serie dotata di “moteur flottant”, per limitare le vibrazioni a tutto vantaggio del piacere di guida. Declinata in numerose versioni, la sua produzione, che tra tutte le versioni raggiungerà quasi 760 mila esemplari, cesserà nel 1957.

Condividi
COMMENTI