News
28 July 2020 | di Redazione Ruoteclassiche

Eberhard & Co. al Raid dell’Etna

Per il quinto anno consecutivo Eberhard & Co. si conferma Partner e Official Timekeeper del Raid dell’Etna, storica gara di regolarità siciliana dal respiro internazionale, riservata ai modelli costruiti fino al 1969.

Eberhard & Co. conferma il suo legame con il mondo del motorismo d’epoca, dove il marchio è spesso Official Timekeeper nelle gare più prestigiose sia a livello nazionale che internazionale. Per l’edizione 2020 del Raid dell’Etna, Eberhard & Co. segnerà le tempistiche dei partecipanti e sarà protagonista della “Coppa delle Dame Eberhard & Co.” a Catania e del “Trofeo Eberhard & Co.”. Per le vincitrici della Coppa della Dame e all’equipaggio vincitore assoluto del Raid, in palio alcuni prestigiosi modelli Eberhard che verranno consegnati come premio.

Alla scoperta della Sicilia. Il Raid dell’Etna 2020si svolgerà dal 20 al 26 settembre e vedrà la partecipazione di circa 60 equipaggi provenienti da tutto il mondo. Gli equipaggi si sfideranno in 60 prove cronometrate attraverso un itinerario di oltre 1000 km lungo le coste e l’entroterra della Sicilia: da Palermo a Calascibetta, borgo medievale di eccezionale fascino, passando per Siracusa, Avola. A Punta Secca, è previsto un aperitivo nella famosa casa dove è ambientata la serie del Commissario Montalbano, tratta dai romanzi di Andrea Camilleri. La carovana proseguirà verso Chiaramonte Gulfi e la riserva naturalistica del Lago di Lentini, fino a raggiungere i piedi dell’Etna per un’escursione ai crateri sommitali e concludere come di consueto a Catania.

Parterre internazionale. A fronte di un momento storico di grandi incertezze, c’è grande interesse anche da parte di equipaggi esteri, in gara con auto di grande prestigio: tra queste una Bentley 4 ¼ Le Mans del 1936. Durante il Raid i partecipanti avranno l’occasione di visitare alcune delle località più spettacolari dell’isola, alla scoperta di luoghi inediti e di straordinaria bellezza, il tutto all’insegna della convivialità, della cultura e del sano agonismo.

Condividi
COMMENTI