News
07 maggio 2014 | di Redazione Ruoteclassiche

Festa della mamma? Arriva il nostro hashtag #autodimamma

Per celebrare la festa della mamma, l'11 maggio, Ruoteclassiche lancia su Instagram l'hashtag #autodimamma: taggate una foto che vi ritrae accanto o a bordo della macchina con cui vostra madre vi scarrozzava a scuola o a fare la spesa con lei. Le più belle saranno pubblicate in una gallery...

Quale auto guidavano le vostre mamme negli anni 70? Cosa ricordate di più di quelle esperienze? Per la festa, che in Inghileterra cadeva il 30 marzo, lo ha chiesto un sito inglese di informazioni sulla “storia” delle auto usate (HPI) a un campione di sudditi patentati della regina Elisabetta tra i 40 e i 50 anni di età. C’è chi ricorda il terribile colore marrone e arancione della carrozzeria, brutture che li hanno accompagnati quotidianamente a scuola per anni e anni; chi la scomodità dei sedili che ancora non prevedevano l’uso dei seggiolini di sicurezza o la mancanza di gadget elettronici che oggi fanno la felicità dei più piccoli. Per non parlare della poca attenzione alla sicurezza (le cintura sono arrivate nel 1967 e diventate obbligatorie dal 1983). Per tutti però l’auto della mamma è un ricordo indelebile.

Vista l’età media degli intervistati e la loro nazionalità non sorprende che l’auto più citata (9,4%) sia la Mini Cooper, autentica icona di quegli anni. Segue in seconda posizione (6,6%) la Ford Fiesta, introdotta in Gran Bretagna nel 1972, seguita a sua volta dalla Ford Cortina con il 4,7%. Il 54% degli automobilisti intervistati non ricorda invece se l’auto che lo trasportava da bambinio fosse quella di famiglia, della mamma o del papà.

Al quarto posto nel sondaggio HPI spiccano a pari merito la Ford Sierra e la Vauxhall/Opel Cavalier, che hanno avuto un ciclo di produzione lunghissimo diventando tra le auto preferite d’Oltremanica. A pari merito in quinta posizione anche Volkswagen Golf, Ford Escort, Toyota Corolla, Ford Capri e Austin Allegro.

E voi che ricordi avete di quando eravate piccoli? Quale sarà la vostra #autodimamma?

Gilberto Milano

Condividi
COMMENTI