News
14 gennaio 2002 | di Redazione Ruoteclassiche

FINALMENTE SENZA BOLLO

L'esenzione dal bollo per i possessori di motoveicoli di interesse storico e collezionistico di età compresa tra i venti e i trenta anni, inseriti nell'elenco compilato dalla FMI, è finalmente realtà.

Il ministero delle Finanze ha assicurato che l'elenco è valido per gli utenti che si apprestano a pagare il bollo per l'anno 2002. Questo è quanto emerso dall'incontro svoltosi venerdì 11 gennaio tra il dottor Giampaolo De Paulis, direttore dell'Ufficio Federalismo Fiscale, dipartimento per le politiche fiscali del ministero dellEconomia e delle Finanze, la Federazione Motociclistica Italiana e l'Automotoclub Storico Italiano.

L'art. 63 della legge 342/2000 sancisce infatti l'esenzione dal pagamento della tassa di proprietà per i veicoli che hanno compiuto trenta anni di età (e tale esenzione è operativa) e per quelli che ne hanno compiuti venti, a patto però che siano inseriti in un elenco di auto redatto dall'Asi e in uno di moto redatto da FMI ed Asi.

La FMI, ottemperando agli obblighi di legge e in assenza di ogni indicazione da parte del ministero delle Finanze, aveva tempestivamente presentato il proprio elenco di motoveicoli da esentare (presente sul sito www.federmoto.it), senza tuttavia ricevere alcun riconoscimento ufficiale da parte del dicastero.

In vista della prossima scadenza dei bolli dunque, secondo quanto assicurato dal dottor De Paulis del ministero delle Finanze, i possessori di motoveicoli di interesse storico e collezionistico possono recarsi all'ACI o alla posta e versare, al posto del bollo, una tassa di circolazione di 10,33 euro, corrispondenti a 20.000 lire (solo se circolano sulla pubblica strada), indicando, nella causale del versamento, "motoveicolo esente dal pagamento della tassa di proprietà ex art. 63 legge 342/2000".

Condividi
COMMENTI