Club / News
02 luglio 2009 | di Redazione Ruoteclassiche

FINESTRINI SUL CORTILE

Cultura e veicoli storici: il connubio non è certo inedito, ma assume nuova linfa dalle due interessanti iniziative promosse nel maggio scorso a Milano dal Cmae (Club Milanese Automotoveicoli d'Epoca). Protagoniste assolute, nel primo caso, alcune splendide automobili, quasi tutte anni 20 e 30, parcheggiate per una domenica nelle corti e nei giardini dei più rinomati palazzi antichi del centro città, tra via Montenapoleone, via Borgonuovo e via Brera.

È così che si sono potute ammirare in una cornice molto suggestiva un'imponente Isotta Fraschini "Tipo 8" realizzata nel 1923 dalla carrozzeria Castagna all'interno del Palazzo Bagatti-Valsecchi; una BMW "327 Sport Cabriolet" del 1939 a Palazzo Landriani, attuale sede dell'Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere; due Fiat - una "509" del 1926 e una "514 Torpedo" del '29 - sotto i portici di via Bigli.

E poi ancora una Fiat "525" Stabilimenti Farina del '29, una "500 A", una "Balilla Mille Miglia" e una "Balilla Coppa d'Oro", che hanno suggellato il gemellaggio tra il Cmae e l'Associazione Dimore Storiche Italiane, promotori della singolare iniziativa, che ha avuto anche il patrocinio del Comune di Milano, della Regione Lombardia e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La seconda iniziativa, l'ultimo weekend di maggio, ha visto invece sotto i riflettori alcune moto d'epoca restaurate da artigiani milanesi, esposte nella Piazza del Cannone del capoluogo lombardo, nell'ambito del circuito "Artigiana 2009". Tra i pezzi in mostra, un "Galletto 192" del 1954 (costava 256 mila lire, più 4 mila lire per la ruota di scorta), una Moto Guzzi "S" del 1934, con motore a valvole contrapposte in grado di superare i 110 km/h, e una Gilera "150 Turismo" del 1953, con cambio a 4 marce e motore da 6,5 CV (costava 200 mila lire).

L'esposizione aveva lo scopo di dare visibilità all'opera degli artigiani del restauro con l'intento di salvaguardare il patrimonio di conoscenze di questi professionisti.

Condividi
COMMENTI