Regolarità
16 settembre 2018 | di Alberto Amedeo Isidoro

GP Nuvolari 2018: Giovanni Moceri ancora al comando

Il forte regolarista siciliano, navigato da Daniele Bonetti, chiude la seconda tappa del Gran Premio Nuvolari davanti a tutti. Dietro la sua "Balilla" un'altra Fiat 508 C, quella di Francesco e Giuseppe Di Pietra, e l'Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato di Andrea Vesco e Andrea Guerini.

Attenti a quei due. I due Andrea campionissimi di regolarità, che il Nuvolari l'hanno vinto per cinque volte consecutive, dal 2012 al 2016, li incontriamo poco prima del controllo a timbro di Urbino. Alla domanda "come sta andando?", rispondono: "insomma, alti e bassi". Non è stata una partenza sprint la loro - ieri hanno chiuso noni -, ma oggi sono stati più precisi e attenti: il risultato è una risalita, neanche tanto inattesa, al terzo posto assoluto, dietro alle "Balilla" di Di Pietra-Di Pietra e Moceri-Bonetti.

Orgoglio Ruoteclassiche. Alla partenza da Rimini, il buongiorno col sorriso ce l'hanno dato le nostre ragazze, Himara Bottini e Rosemary Boscardin, che coi colori di Ruoteclassiche hanno chiuso la prima tappa al trentacinquesimo posto assoluto. Oggi possono dirsi ancor più soddisfatte: dopo una tappa estenuante, un "otto" tortuoso gustosissimo da guidare Rimini-Siena e ritorno, la loro Triumph TR3 è trentaduesima. Facciamo tutti il tifo per loro.

La nostra gara in Maserati. Quanto al nostro Maserati Tribute, è stata una giornata fantastica. Cimentarsi in prove di media e di precisione con un'auto moderna è altrettanto affascinante, con l'indubbio vantaggio di viaggiare comodi e con l'aria condizionata - una benedizione, considerato il caldo da piena estate. La Levante ci piace sempre di più e la nostra gara, a un certo punto, è diventata un gioco. Insieme alla Ghibli dell'amico Martin Buckley, giornalista della rivista inglese "Classic and Sports Car", abbiamo divorato le tappe previste a suon di sorpassi e controsorpassi. Tutti, sempre, con la modalità Sport attiva. E pensare che Martin l'ha scoperta solo oggi...

Condividi
COMMENTI