Auto / Eventi / News / Personaggi
31 luglio 2014 | di Redazione Ruoteclassiche

Il Tridente incanta a Silverstone Classic

Per i cent'anni del Tridente, oltre duecento Maserati hanno dato vita, sul circuito di Silverstone, in Inghilterra, a una spettacolare "parade" alla cui testa si è messo Stirling Moss, a bordo della mitica "250F"...

Continuano un po’ ovunque gli eventi celebrativi dei cent’anni della Maserati. Ultimo in ordine di tempo è stato l’omaggio di “Silverstone Classic”, importante kermesse motoristica che si è svolta sul celebre circuito inglese dal 25 al 27 luglio. A fare gli onori di casa sulla pista che il 13 maggio 1950 ospitò la prima gara del Campionato del Mondo di Formula 1 (vinta di Nino Farina su Alfa Romeo), è stato il pilota britannico Stirling Moss che a Silverstone trionfò due volte, nel 1955 e nel 1957, e che nella stagione '56 – proprio con una vettura del Tridente (la “250F”) - riportò due vittorie, a Monaco e a Monza.

A 58 anni di distanza, Moss è risalito al volante della “250F” per mettersi alla testa del corteo di monoposto, di vetture stradali e di moto Maserati degli anni Cinquanta, che hanno animato le parade dedicate ai cent’anni del Tridente. “Silverstone Classic è un evento assolutamente straordinario – ha dichiarato. – Nel quale si possono ammirare automobili dal grande passato sportivo, ma dove è anche possibile per gli spettatori scambiare quattro chiacchiere con i piloti e i meccanici. E poi quest’anno c’è stata l’occasione di tornare a guidare la ‘250F’, un’automobile splendida, che mi ricorda quanto fossero favolose le Maserati, e dovevano esserlo se riuscivi a vincerci un gran premio come quello di Monaco”.

Accanto a lui, Alfieri Maserati, figlio di Ernesto, uno dei due fratelli fondatori del marchio bolognese, entusiasta della location: “Quale luogo migliore di Silverstone per celebrare il centenario delle Officine Alfieri Maserati? Le vetture del Tridente sono state costruite per correre e dopo cent’anni stanno vivendo un’eccezionale rinascita”. Alle celebrazioni hanno partecipato oltre duecento auto, in rappresentanza di tutta la storia del marchio, stradali e da competizione: dalla “Ghibli” alla “61 Birdcage”, dalla “3500GT” alle più recenti “Quattroporte”, “GranTurismo” e “GranCabrio”, fino alla spettacolare “MC12 Goodwood Cent 100” in esemplare unico.

Il prossimo appuntamento con i festeggiamenti sarà il Raduno Internazionale del Centenario Maserati, in programma dal 18 al 20 settembre tra Modena, Torino e Cremona, con un prologo a Bologna, presso la Fontana di Nettuno, che ispirò il simbolo della Casa del Tridente.

Condividi
COMMENTI