News
07 aprile 2014 | di Redazione Ruoteclassiche

In vendita un prototipo di Ford “GT 40”

Andrà all’asta il 12 aprile in Texas uno dei due prototipi di Ford "GT40" rimasti. Una rarità destinata a strappare quotazioni record.

È una delle quattro "GT 40" realizzate dalla Ford per vendicarsi del rifiuto di Enzo Ferrari di cedere Maranello all’azienda a stelle e strisce che nella primavera del 1963 era arrivata a un passo dall’impresa. L'obiettivo di battere la Ferrari riuscì per quattro anni di fila a Le Mans, dove le Ford "GT 40" hanno sbaragliato le Rosse dal 1966 al 1969. Prima di riuscirci però la casa aveva allestito quattro prototipi, dei quali i primi due (con i numeri di telaio "GT/101" e "GT/102") sono andati distrutti nei test del 1964 sul circuito di Le Mans da Jo Schlesser e Roy Salvadori, rimasti illesi.

L’auto in questione è la quarta della serie, elencata come "GT/104". Non ha avuto successo nel suo debutto del 1964, ma può vantare di essere stata la prima "GT 40" a guadagnarsi un podio. E di essere stata guidata da piloti come Phil Hill, Bruce McLaren, Bob Bondurant, Ken Miles, Jo Schlesser, Richie Ginther e Richard Attwood.

Il prototipo "GT/104" è stato il primo anche a utilizzare un telaio in acciaio più leggero. La vettura è rimasta di proprietà di Ford fino al 1971, quando fu venduta al suo primo proprietario privato. Venduta poi nel 1972, nel 1978 è passata ancora di mano e avviata al restauro. Nel giugno 2010, parzialmente completata è stata venduta a un nuovo proprietario privato, che l’ha affidata allo specialista inglese di "GT40" Paul Lanzante per riportarla alle condizioni iniziali. Cioè, nella configurazione di Daytona. La "GT/104" oggi comprende molti componenti originali, tra cui il V8 4.2 da 289 CV che pare sia quello elaborato da Carroll Shelby nel 1965 con le specifiche di Le Mans.

Condividi
COMMENTI