Jean Rédélé: cento anni fa nasceva il fondatore dell'Alpine - Ruoteclassiche
Eventi
31 May 2022 | di Redazione Ruoteclassiche

Jean Rédélé: cento anni fa nasceva il fondatore dell’Alpine

Un grande raduno ufficiale per ricordare, a cent’anni dalla nascita, il fondatore dell’Alpine, Jean Rédélé. Trenta equipaggi su Alpine storiche e A110 moderne si sono dati appuntamenti a Bazzano il 21 e 22 maggio. Uno dei tanti eventi legati, in Italia e all’estero, a questo anniversario. E per l’occasione è stata svelata la nuova serie limitata A110 GT J. Rédélé.

Il Club Renault Alpine Gordini Italia, dagli anni 80 riferimento per gli appassionati del marchio Alpine e delle vetture sportive Renault, ha organizzato un grande raduno ufficiale denominato “Rédélé 2022”. Il 21 e 22 maggio, a Bazzano, città natale di Amedeo Gordini, sono confluiti trenta equipaggi composti da soci Cragi, possessori di vetture Alpine storiche e A110 moderne, Renault sportive e vetture con motore Gordini. La domenica si è svolta una gara di regolarità all’interno di una zona chiusa al traffico, che ha visto la partecipazione di vetture storiche e A110 moderne; l’evento si è concluso con una spettacolare esposizione.

Il grazie di Raffaele Fusilli, ad Renault Italia. “Voglio dirvi ‘grazie’ per la passione e la determinazione con cui in questi anni state diffondendo la storia automobilistica del brand Alpine. La solidità e la forza dell’universo valoriale di Alpine fanno sì che voi siate riuniti oggi insieme: possessori della storica ‘berlinette’ e della A110 moderna. Ed è proprio il costante equilibrio tra rispetto delle tradizioni e spinta all’innovazione che guida il nostro brand nel futuro. Abbiamo ancora tante pagine di storia da scrivere e saremo felici di farlo sapendo di poter contare anche sul Club Renault Alpine Gordini Italia”.

Il raduno francese. Anche Dieppe, culla del Marchio, nell’ultimo fine settimana di maggio, ha ospitato una sfilata con oltre 1100 Alpine di tutte le generazioni Partita dallo stabilimento Manufacture Alpine Dieppe Jean Rédélé, sito di produzione storico delle Alpine d’epoca e nuove, la carovana di veicoli che hanno fatto la storia della Marca (compresa la monoposto BWT Alpine F1), si è diretta verso il lungomare di Dieppe. Il sabato si è concluso con una cena di gala, con la partecipazione di prestigiosi ospiti, tra coloro che hanno segnato la storia passata e presente della Marca.

A110 GT J. Rédélé. È stata svelata proprio in occasione dell’evento di Dieppe l’auto che porta il nome del fondatore. Al termine della sfilata, le chiavi dell’A110 GT J. Rédélé numerata 1/100 sono state consegnate a Michelle Rédélé, moglie del fondatore di Alpine. Edizione limitata a cento esemplari di una Gran Turismo color Grigio Montebello, colore preferito dal fondatore della Casa sportiva che tra l’altro ricorda la prima Alpine venduta nel gennaio 1963. Si abbina al tetto nero lucido e ai cerchi Grand Prix da 18” neri diamantati e pinze dei freni argentate. E anche l’interno è di pelle nera con cuciture argento. Ha un 1.8 turbo a 4 cilindri, 300 CV, uno 0-100 km/h di 4,2 secondi e una velocità massima di 250 km/h. Si potrà ordinare dal primo giugno, tramite l’app Alpine, al prezzo di 83 mila euro.

Il fondatore. Jean Rédélé nacque nel maggio 1922. Non era un ingegnere, ma un gentleman driver con la passione per la velocità, le competizioni e dall’eleganza sopraffina. Era concessionario di auto Renault a Dieppe, in Normandia. Nel 1955 fondò la Société des Automobiles Alpine, un omaggio alle Alpi e alle sue strade. La prima vettura di serie prodotta da Monsier Jean fu l’Alpine A106, presentata nel 1955, poi l’A108 e nel 1962 la mitica A110. Nel 1975 la Casa fu ceduta a Renault.

Condividi
COMMENTI