News
28 giugno 2010 | di Redazione Ruoteclassiche

NOSTRA AMBASCIATRICE A SHANGHAI

L'Italia dei motori conquista Shanghai. Ad accogliere i visitatori nel padiglione dell'Italia all'Expo (fino al 31 ottobre) ci sono infatti due auto simbolo dell'eccellenza del Made in Italy del settore. Una è una Ferrari, la "599 Hy Kers" ibrida che prefigura le sportive di domani secondo Maranello. L'altra è un'Isotta Fraschini "Tipo 8 Torpedo Sport", vettura milanesissima di nascita, visto che veniva fabbricata nella sede di viale Monte Rosa del nobile marchio scomparso.

In questo modo si è voluto creare un ideale trait d'union tra Shanghai e Milano, sede dell'Expo 2015. L'esemplare in mostra, tra l'altro, ha una vicenda particolare. Il telaio (n. 341) è stato infatti trovato da un appassionato collezionista a Lima nel 1975, presso un rivenditore di auto usate. Faceva parte della schiera di vetture di prestigio che i facoltosi viaggiatori sudamericani in visita in Europa decidevano di portare a casa come "souvenir" via nave.

Il problema, però, era reperire una carrozzeria adatta alla struttura: fu necessario aspettare fino al 1989 prima che venisse trovata una torpedo Castagna, in origine montata su un'altra "Tipo 8" di proprietà di una famiglia di Chiavari (GE). Questa carrozzeria era stata infatti smontata da un telaio impiegato per costruire un pullmino utilizzato per anni come mezzo di trasporto su una linea passeggeri tra Chiavari e Sesta di Godano (La Spezia). Il veicolo fu poi distrutto in un incidente, ma la carrozzeria così si salvò.

Condividi
COMMENTI