Auto
26 febbraio 2010 | di Redazione Ruoteclassiche

PADRONA DELLA SCENA

Bastarono due interpretazioni della spider all'inglese, la serie "TR" e la "Spitfire", per scatenare gli applausi degli ammiratori, giovani e no. L'importante contributo di Michelotti e i passi falsi del management.

In un articolo di 16 pagine, la storia della Triumph attraverso i suoi modelli più significativi: dalla "10/20 HP", con motore 4 cilindri in linea a valvole laterali di 1393 cm3 del 1923 alla "TR8" con motore V8 di 3,5 litri del 1980. Lo stile, la tecnica, le corse...

TAGS Triumph
Condividi
COMMENTI