Regolarità
08 April 2019 | di Redazione Ruoteclassiche

Passo di Rigano-Bellolampo, una piccola Targa Florio

Giovanni Moceri e Valeria Dicembre vincono la quarta edizione della Passo di Rigano-Bellolampo, gara di regolarità per auto storiche e moderne valida per il campionato siciliano di specialità.

È stata una gara dal sapore antico, di quelle che riportano indietro a un automobilismo romantico e che, forse, non esiste più. La Passo di Rigano-Bellolampo fu la prima gara ufficiale del mitico preside volante Nino Vaccarella, che è voluto tornare sulle strade che hanno sancito l’inizio della sua straordinaria avventura nel mondo delle corse.

Aspettando la Targa Florio. La gara di regolarità classica per auto storiche e moderne Bellolampo-Passo di Rigano, organizzata dall’Automobile Club Palermo e patrocinata dalla Regione Siciliana e dal comune di Palermo, valida per il campionato siciliano regolarità autostoriche e preludio alla imminente 103^ edizione della Targa Florio, ha riunito a Palermo tanti personaggi del settore che hanno dato battaglia su un tracciato impegnativo con ben 68 prove cronometrate e 6 controlli orari.

I protagonisti al via. La partenza dalla Palazzina Cinese ha visto allo start il top driver palermitano Giovanni Moceri in coppia con la moglie Valeria Dicembre portacolori della Scuderia Targa Florio, il top driver bresciano Tiberio Cavaleri, il presidente ACI Angelo Pizzuto (sesto nel campionato italiano) con la navigatrice triestina Susanna Serri già campione italiano (anche loro in gara per la Scuderia Targa Florio), la marchesa Costanza Afan de Rivera ed alcuni protagonisti della regolarita’ siciliana come Dario Nicolosi di Catania e Maurizio Indelicato di Campobello.

Icone del passato. Spazio anche ai driver professionisti come Totò Riolo, Sergio Montalto ed Alberto Santoro che per questa volta hanno privilegiato la precisione cronometrica alla velocità. Interessante anche il parterre delle vetture partecipanti, che ha visto sfilare alcune gemme vintage dell’automobilismo come la Fiat Balilla 508 spider del 1939, MG - J2 del 1933, una splendida Flaminia GT del 1963, Amilcar GCS del 1912, una piccola flotta di Porsche 356 di varie età, la Ferrari 308 GT/4 Dino del 1976 e tante altre ancora.

Passeggiata al sole. Spazio anche alla regolarità turistica, una sezione della gara meno impegnativa per drivers che si affacciano alla specialità con entusiasmo e passione. A tagliare il traguardo per primi nella splendida cornice di piazza Guglielmo II a Monreale, dopo una giornata a colpi di cronometro sui pressostati al centesimo di secondo, è stato Giovanni Moceri navigato da Valeria Dicembre sulla vettura FIAT 508 C del 1939, seguito dal top driver bresciano Tiberio Cavaleri in coppia con Fabrizio Falanga su Fiat Balilla Spider del 1926. Piazza d’onore anche per il catanese Dario Nicolosi in coppia con il papà su A112 Abarth del 1979. Prima classificata tra le scuderie partecipanti la Scuderia Targa Florio che ha piazzato due drivers nelle prime posizioni Buon piazzamento per Angelo Pizzuto e Susanna Serri, terzi nel secondo raggruppamento su MG-J del 1933. Nella sezione di regolarità turistica, prevalgono Pietro Amari e Luca Venezia su una youngtimer Fiat 127.

Le parole del presidente. “Una bella giornata di sport per gli appassionati delle auto d’epoca - ha dichiarato il presidente ACI Angelo Pizzuto al termine della gara - la regolarità classica in formula Acisport è una disciplina impegnativa che sta crescendo e che vogliamo ulteriormente sviluppare con l’organizzazione di altri eventi nel corso della stagione, sostenendola con corsi di formazione e coinvolgendo il vasto parterre di proprietari e collezionisti che potranno così utilizzare anche a Palermo le loro splendide vettura, un pezzo importante dell’automobilismo storico da valorizzare anche nel nostro territorio”.

Le parole del presidente. “Una bella giornata di sport per gli appassionati delle auto d’epoca - ha dichiarato il presidente ACI Angelo Pizzuto al termine della gara - la regolarità classica in formula Acisport è una disciplina impegnativa che sta crescendo e che vogliamo ulteriormente sviluppare con l’organizzazione di altri eventi nel corso della stagione, sostenendola con corsi di formazione e coinvolgendo il vasto parterre di proprietari e collezionisti che potranno così utilizzare anche a Palermo le loro splendide vettura, un pezzo importante dell’automobilismo storico da valorizzare anche nel nostro territorio”.

Le parole del presidente. “Una bella giornata di sport per gli appassionati delle auto d’epoca - ha dichiarato il presidente ACI Angelo Pizzuto al termine della gara - la regolarità classica in formula Acisport è una disciplina impegnativa che sta crescendo e che vogliamo ulteriormente sviluppare con l’organizzazione di altri eventi nel corso della stagione, sostenendola con corsi di formazione e coinvolgendo il vasto parterre di proprietari e collezionisti che potranno così utilizzare anche a Palermo le loro splendide vettura, un pezzo importante dell’automobilismo storico da valorizzare anche nel nostro territorio”.

Condividi
COMMENTI