Prinetti & Stucchi, dai turaccioli alle quattro ruote - Ruoteclassiche
Cerca
News
22/02/2017 | di Redazione Ruoteclassiche
Prinetti & Stucchi, dai turaccioli alle quattro ruote
Era il 1926. Sono trascorsi 91 anni dalla chiusura della Prinetti Stucchi & C., un’azienda italiana che in tempi lontani aveva saputo “diversificare”, interessandosi di motori. Fondata a Milano nel 1874 da Giulio Prinetti e Augusto Stucchi, inizialmente l’impresa è un'officina meccanica che produce turaccioli di sughero e macchine da cucito...
22/02/2017 | di Redazione Ruoteclassiche

Era il 1926. Sono trascorsi 91 anni dalla chiusura della Prinetti Stucchi & C., un’azienda italiana che in tempi lontani aveva saputo “diversificare”, interessandosi di motori. Fondata a Milano nel 1874 da Giulio Prinetti e Augusto Stucchi, inizialmente l’impresa è un'officina meccanica che produce turaccioli di sughero e macchine da cucito (l’attività in questo settore viene rilevata da Angelo Salmoiraghi).

Successivamente, nel 1892, la fabbrica si avventura nel nuovo mondo delle biciclette, e infine - nel 1898 - in quello dei veicoli a motore. Il merito è di un impiegato, Ettore Bugatti, che sviluppa il  triciclo Tipo 1, con motore monocilindrico De Dion e telaio Rochet-Schneider.

Poco dopo vengono progettati e creati i quadricicli, in particolare il modello “Quadri”, azionato da un motore monocilindrico raffreddato ad aria e caratteristico per il piccolo rimorchio: un posticino che, secondo la réclame pubblicitaria, era da riservare a una “graziosa accompagnatrice”.

Nel 1899 con la vettura Prinetti Stucchi,  caratterizzata da due motori monocilindrici accoppiati, Bugatti vince la corsa "Brescia-Verona-Brescia" alla velocità media - allora notevole - di 40 km all’ora. Nel 1901, dopo la nomina di Giulio Prinetti a ministro degli Esteri, l'azienda modifica la ragione sociale in quella di "Stucchi & C.". La produzione va avanti: viene completata la prima motocicletta, una monocilindrica a quattro tempi.

L’azienda è ricordata nel racconto dello scrittore Giovanni Guareschi intitolato “La lotteria”, in cui i due protagonisti, don Camillo e Peppone, discutono di una bicicletta Stucchi.

Alla fama dell’azienda contribuisce senz’altro la vittoria del Giro d’Italia con Girardengo nel 1919. Durante la guerra e fino al 1926, anno della chiusura e della cessione alla OM, l’azienda continua a produrre modelli di motociclette con motori monocilindrici e bicilindrici a V. Le vetture prodotte da questa piccola fabbrica sono una via di mezzo tra le carrozze di una volta e le automobili che sarebbero nate negli anni successivi: costruite interamente a mano, con molto legno, una certa quantità di metallo e tanto lavoro umano. Era ancora artigianato, l’industria automobilistica moderna doveva ancora nascere. Era l’inizio, solo l’inizio, di una lunga storia.

Elisa Latella

COMMENTI
In edicola
Segui la passione
Novembre 2023
In copertina i 75 anni della Lotus, poi le Fiat 850 Coupé e Simca 1000 Coupé, le Volkswagen New Beetle e la berlinetta Fiat-Abarth OT 1300
Scopri di più >