Club / News / Regolarità
06 ottobre 2014 | di Redazione Ruoteclassiche

Raid dell’Etna, vince una coppia di argentini

Dopo una settimana di avvicinamento - con un percorso che, da Palermo, è arrivato a Siracusa e poi a Catania -, il Raid dell'Etna ha finalmente raggiunto il luogo più misterioso e affascinate dell'isola, quel vulcano che da 17 anni dà il suo nome all'evento e sulle cui pendici la gara di regolarità ha proclamato i vincitori. Che sono stati gli argentini Luis Angel Zerbini e Silvia Susana De La Iglesia. A bordo della loro Triumph TR3A del '57 hanno regolato, nell'ordine, i bresciani Maurizio Colpani e Miriam Losio, su Porsche 911 ST del '72, e Riccardo Mocchetti e Martha Di Siero, sempre su Porsche 911, una Targa 2.2 E del 1971. La stessa auto con la quale le signore Maria Cristina Zari e Luisa Biroli hanno conquistato la Coppa delle Dame TAG Heuer, che la maison orologiera svizzera ha messo in palio nella gara notturna di Acireale dedicata agli equipaggi femminili.

Anche in questa edizione, il Raid dell'Etna ha ribadito la sua magica formula che unisce alla perfezione il piacere della competizione e quello di poter guidare la propria auto storica nei magnifici scenari siciliani, ospiti di tenute e palazzi nobiliari normalmente chiusi al pubblico, spesso accolti direttamente dai proprietari. Un'esperienza davvero unica, che l'equipaggio di Ruoteclassiche ha vissuto in diretta con la straordinaria 911 2.7 RS del 1973 messa a disposizione da Porsche Italia e che, dal 15 al 18 ottobre, con il “Raid dell'Etna - Porsche Tribute”, festeggiarà i 40 anni della 911 Turbo sul percorso di quattro delle più famose cronoscalate dell'isola.

Alessandro Giudice, foto di Alessandro Barteletti

Condividi
COMMENTI