News
15 April 2020 | di Roberto Manieri

Revisioni per i mezzi storici: proroga sino al 31 ottobre

Revisioni dei mezzi storici in scadenza, il Ministero dispone la proroga delle scadenze sino al 31 ottobre

Le previsioni delle proroghe previste dal decreto Cura Italia toccano anche i mezzi storici e la scadenza delle relative revisioni periodiche. A seguito dell’emergenza Coronavirus il Ministero ha infatti disposto l’autorizzazione fino al 31 ottobre 2020 alla circolazione dei mezzi da sottoporre entro il 31 luglio 2020 alle verifiche tecniche obbligatorie e periodiche. Il decreto è diventato legge dopo la firma del presidente Mattarella e le previsioni sono già operative senza la necessità di apporre indicazioni sui documenti di circolazione. In particolare l’autorizzazione riguarda:

- la revisione di tutti i veicoli soggetti all’obbligo;

- la revisione dei veicoli già sottoposti ma con esito “ripetere”, a condizione che siano state sanate le irregolarità riscontrate;

- la visita e prova ai sensi dell’art. 75 CdS;

- la visita e prova ai sensi dell’art. 78 CdS 4.1;

- la sostituzione delle bombole del GPL aventi scadenza dall’1.2.2020.

“In questo momento gli organici della Motorizzazione sono ancora limitati e il personale sta lavorando in smart working – come spiegano dal Ministero dei Trasporti - dunque prendiamo appuntamenti telefonici per la pratiche più urgenti o per le verifiche tecniche dei mezzi che devono andare all’estero piuttosto che per le pratiche di immatricolazione o collaudo urgenti, mentre gli esami delle patenti sono tutti sospesi sino a data da definirsi. Prevediamo a maggio il rientro ad una situazione di normalità, ma in attesa si sappia che gli uffici saranno in grado di affrontare i vari casi dando sempre una risposta agli utenti. Per qualunque questione non possiamo quindi che chiedere di rivolgersi direttamente agli uffici locali territoriali”.

Condividi
COMMENTI