Velocità in salita
24 March 2021 | di Redazione Ruoteclassiche

Salita del Costo: inizia la stagione delle cronoscalate

L’arrivo della primavera è coinciso con l’inizio della stagione delle cronoscalate, inaugurata lo scorso weekend con la “Salita del Costo”, prova in salita organizzata da Rally Club Isola.

Domenica 21 marzo ha preso il via, con la Salita del Costo in provincia di Vicenza, la stagione 2021 delle cronoscalate italiane. Anche se non valida per il Campionato Italiano di Specialità, la gara ha visto al via 36 piloti con le auto storiche che si sono dati battaglia sui 9,910 chilometri che da Cogollo del Cengio portano fino a Treschè Conca in condizioni difficili con addirittura diversi spruzzi di neve al sabato mentre la domenica le condizioni erano decisamente migliori ma il sale sparso nei giorni antecedenti la gara ha reso la guida particolarmente impegnativa.

Passioni di famiglia. Si inizia con il primo raggruppamento che registra al via solo quattro piloti ma anche una grossa sorpresa con il favoritissimo, l’austriaco Harald Moessler, costretto alla resa da un contatto sul guard rail al secondo tornante così la vittoria è andata al veterano Luigi Pellanda e la sua BMW 2002 davanti a Marino e Silvia Fochesato, padre e figlia, al volante di due Abarth 1000 TC. Spettacolare battaglia nel secondo raggruppamento dove una triade di piloti al volante di Porsche 3000 ha venduto cara la pelle. Alla fine, ad avere la meglio è stato Umberto Pizzato che ha tenuto a oltre 2” l’esperto Giampaolo Basso mentre al terzo posto ha chiuso il siciliano Matteo Adragna.

Il secondo raggruppamento. Quarto posto, con una maiuscola prestazione,per il giovane Marco Stella su Alfa Romeo GT 1600 mentre al quinto posto troviamo ancora una Porsche 911, ma versione 2,4, con alla guida il padovano Giampiero Zampieri. Ancora Porsche sugli altari nel terzo raggruppamento dove ad imporsi è stato Giuseppe Pezzo su 911 SC che ha avuto ragione dell’analoga vettura di Adriano Beschin mentre al terzo posto ha chiuso l’altoatesino Erwin Morandell su Fiat X1/9 Silhouette mentre problemi al cambio non hanno permesso a Massimo Ronconi di andare oltre il quarto posto con la Porsche 914/6 Silhouette portata al debutto in questa gara.

Svettano le Osella. Vittoria scontata, nel quarto raggruppamento, per Giovanni Ambroso che con la sua Osella PA 9/90 BMW ha anche colto la simbolica vittoria assoluta. Ambroso ha avuto la meglio su Michele Massaro e la sua BMW M3 e sulla Renault 5 GT Turbo del bolzanino Paul Niederstatter,autore di una prestazione superlativa. Infine, nello scarno quinto raggruppamento, vittoria per l’Osella Formula Ford di Otello Viali che ha avuto la meglio sulla Van Diemen F. Ford dell’espertissimo Antonio Maniero mentre il favorito, Roberto Buratti, anche lui su Van Diemen Ford, non ha preso il via della gara.

Testo di Stefano Dal Zot

Condividi
COMMENTI