News
30 settembre 2009 | di Redazione Ruoteclassiche

TANTO FUMO E POCA VELOCITÀ

Alla faccia del progresso! Ci sono voluti la bellezza di 103 anni per battere - di soli 21 km/h orari - il record di velocità per un'auto a vapore. Il 24 agosto di quest'anno il primato è stato portato a 225,06 km/h.

Artefice della singolare impresa dal gusto un po' retrò è stato un miliardario inglese, Charles Burnett II, che si è messo ai comandi di un missile di tre tonnellate, lungo oltre 7,6 metri, con 12 boiler in grado di scaldare 832 litri d'acqua in 25 minuti fino a oltre 350 gradi. Sulla pista della base militare di Edwards, nel deserto della California, la sua "Steam Car" ha raggiunto una velocità di punta di 243 km/h, niente di trascendentale per una sportiva di oggi, ma un vero e proprio miracolo tecnologico per una vettura alimentata a vapore.

Prova ne è che il primato precedente porta la data del 1906, quando l'americano Fred Marriott, con la sua "Stanley Steamer" raggiunse la straordinaria velocità (questa sì, per l'epoca) di 204 km/h.

Condividi
COMMENTI