Auto / News / Personaggi
07 marzo 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Techno Classica, spunta la Volvo di Roger Moore

Dal 21 al 25 marzo la kermesse di Essen dedicata all'automobilismo storico e da collezione ospiterà, allo stand Volvo, la 1800S appartenuta all'attore Roger Moore, celebre per le sue interpretazioni di James Bond nella serie ufficiale di 007 e per i suoi ruoli, tra gli anni 50 e 70, nelle serie televisive Ivanhoe, Attenti a quei due e Il Santo. Proprio di quest'ultima fiction l'esemplare in mostra a Techno Classica è stato protagonista: all'interno sono infatti ancora presenti tutti i dettagli che risalgono al tempo delle riprese, avvenute negli anni 60.

Una star che appare per la prima volta sotto le luci della ribalta (è alla prima apparizione in un Salone Internazionale dell'heritage) e che sarà senza dubbio tra le curiosità più apprezzate dai visitatori. Color bianco perla, è stata costruita nel novembre del 1966 e monta rari cerchi Mini-Lite, oltre a fendinebbia Hella.

La 1800S ex-Roger Moore dividerà la scena con una "gemella" all'altezza: al suo fianco farà infatti bella mostra di sé la 1800 personale di Hakan Samuelsson, presidente e amministratore delegato di Volvo Cars. Nella sua originale livrea verde chiaro (piuttosto insolita per questo modello) è oggi una delle più belle 1800 in circolazione.

"The Saint con Roger Moore era la mia serie TV preferita negli anni 60. Mi innamorai di lui e di quell'auto, che iniziai a sognare ad occhi aperti. Si tratta di uno dei modelli Volvo più iconici, e di una delle massime espressioni del design svedese" dichiara Samuelsson.

L'auto ha avuto diversi passaggi di mano ed è oggi una delle gemme più preziose di Volvo Cars Heritage, il dipartimento che si occupa della tutela del patrimonio storico e culturale del marchio. "Abbiamo acquistato quest'auto ormai da qualche anno e siamo davvero orgogliosi di esporla al pubblico in occasione di Techno Classica. Si tratta di un esemplare con una storia davvero unica, che valeva senz'altro la pena di essere raccontata" afferma Per-Åke Fröberg, guida di Volvo Cars Heritage.

Alberto Amedeo Isidoro

Condividi
COMMENTI