Regolarità
09 October 2019 | di Himara Bottini

Tre, due, uno: 0 secondi alla Targa Florio 2019

Fervono gli ultimi preparativi per la Targa Florio Classica 2019 che prenderà il via da Palermo venerdì 11 ottobre.

A fare da cornice a questa gara di regolarità aperta alle auto storiche costruite prima del 1977, il Ferrari Tribute e, novità di questa edizione, il Targa Florio Legend, dedicato alle vetture prodotte tra il 1978 e 1990.

Quattro giorni da non perdere. Terzo appuntamento del Campionato Italiano Grandi Eventi a calendario ACI Sport, la Targa Florio Classica si svilupperà su quattro giorni, da giovedì 10 a domenica 13 ottobre, tra gara, passerelle, rievocazioni e scoperta del territorio e delle sue tradizioni eno-gastronomiche. Le premesse ci sono tutte: è sufficiente dare un’occhiata al programma per capire l’impegno profuso dall’Automobile Club Italia, supportato da ACI Sport e ACI Storico, con la collaborazione di ACI Palermo, per rendere sempre migliore questa esperienza. Impegno che si è reso necessario visto il continuo aumento di richieste di iscrizione da parte di italiani e stranieri, che ha comportato tutta una serie di migliorie a favore di concorrenti e auto storiche.

Il via giovedì 10 ottobre. La Targa Florio Classica 2019 prenderà il via ufficiale alle 18.30 di giovedì 10 ottobre. Dopo la tradizionale cerimonia di partenza da Piazza Verdi a Palermo, gli equipaggi dovranno già affrontare un prologo della gara con un primo gruppo di prove cronometrate. Poi il via definitivo venerdì 11 ottobre alle 9.30 dalla facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo. Dopo aver raggiunto la località di Siculiana per la sosta pranzo, le storiche signore viaggeranno verso Agrigento, dove approfittando del controllo orario i concorrenti potranno anche visitare la Valle dei Templi. La gara ripartirà poi alla volta di Casteldaccia, ma non prima di aver attraversato il centro storico di Agrigento dove è previsto un gruppo di prove cronometrate.

Verso il gran finale. Sabato 12 ottobre l’ultima tappa della Targa Florio Classica prenderà il via sempre dalla facoltà di Ingegneria di Palermo alle 9.30. Il percorso si snoderà sulle strade delle Madonie attraversando i centri del famoso Medio Circuito della Targa Florio. La sosta pranzo vedrà gli equipaggi godere della meravigliosa città costiera di Cefalù, da cui ripartiranno per rientrare a Palermo. Tra le chicche di questa edizione, la rievocazione del Circuito della Favorita, la mattina di domenica 13 ottobre. Presso il Parco Reale della Favorita, dove venne costruito il Circuito di Palermo - teatro delle gesta dei piloti della Targa Florio negli anni tra il 1937 e il 1940 - i partecipanti alla Targa Florio Classica si potranno sfidare su 9 prove cronometrate, che non faranno parte della classifica finale.

100 P.C. e 9 P.M. A proposito di classifiche, dopo circa 630 chilometri e un centinaio di rilevamenti tra prove cronometrate e prove di media, al Teatro Massimo di Palermo sarà annunciato l’equipaggio vincitore di questa Targa Florio Classica 2019. Inutile scrivere che la sfida tra i maggiori top siciliani animerà questa quattro giorni di gara. Vedremo chi tenterà di insidiare la loro indiscussa supremazia. Ruoteclassiche questa volta tornerà “ospite” di Mario Passanante sulla Fiat 508 C del 1937, con la sottoscritta cone navigatrice, supportati anche alla Targa Florio da Ma-Fra, uno degli sponsor ufficiali di questo grande evento. Dunque che vinca il migliore.

Condividi
COMMENTI