Eventi / News
02 March 2007 | di Redazione Ruoteclassiche

TROVATO L’ACCORDO

Dopo la sentenza del TAR di Brescia del 22 febbraio che di fatto revocava a Marva l'aggiudicazione definitiva dell'organizzazione della Mille Miglia 2007, molti dubbi erano sorti sul destino dell'importantissima gara bresciana, che quest'anno festeggia gli ottant'anni. Ebbene è giunta la notizia di un accordo tra le parti che permetterà il regolare svolgersi della competizione.

Riportiamo qui sotto il comunicato della ATI, la società che in prima istanza aveva vinto l'appalto per l'organizzazionedella Mille Miglia,vincendo la proposta avanzatada Marva, storica organizzatrice dell'evento.

Grazie all’appello rivolto dal Sindaco di Brescia, Paolo Corsini ed alla sua preziosa mediazione, la riunionedel 28 febbraio, con le parti in causa nelle sale di Palazzo della Loggia, ha portato al seguente risultato: il salvataggio dell’edizione degli 80 anni della Mille Miglia. Pertanto l’accordo raggiunto, salvo delibera dell’Automobile Club di Brescia che riunirà i suoi Consiglieri lunedì p.v., prevede che:

L'ATI rinuncerà all’esecuzione della sentenza del TAR di Brescia lasciando a MARVA l’organizzazione dell’edizione 2007 della Mille Miglia e la gestione del marchio fino al 30 giugno 2007;
L'A.C. Brescia risarcirà l’ATI per il danno subito;
L'ATI, salva diversa determinazione finale del Consiglio di Stato, gestirà il marchio Mille Miglia dal 1° luglio 2007 fino al 31/12/2008 ed organizzerà le edizioni della gara dal 2008 al 2012.

Sandro Binelli, presidente di MAC Events, capogruppo dell'ATI, cui partecipano le società Meet Comunicazione e Sanremorally, si dichiara soddisfatto del risultato che consente alla Città di Brescia di festeggiare un importante anniversario della Freccia Rossa. Ma l'esultanza non è solo dei Bresciani ma anche degli appassionati che da tutto il mondo guardavano ormai con preoccupazione l’evolversi della lunga vicenda.

Alessandro Casali, presidente di Meet Comunicazione, riconosce pubblicamente al Sindaco Paolo Corsini il merito dell'accordo che definisce "non soltanto economico ma sociale tra le parti. L'ATI ha voluto fare un passo indietro per scongiurare la possibilità che l'ottantesimo anniversario della Mille Miglia non si riuscisse a disputare. Un atto forte in tutela degli interessi della Città di Brescia".

Condividi
COMMENTI