Auto
01 settembre 2009 | di Redazione Ruoteclassiche

TU MINI? IO PURE

Agile, scattante e moderna sul piano tecnico, l'Autobianchi "A 112" seppe contrastare la Mini, rivale inglese per eccellenza. Ma dovette il successo anche alla sua eleganza, che incontrò subito l'apprezzamento soprattutto delle signore e dei giovani. Progettata alla Fiat da Dante Giacosa, assimilò gli schemi costruttivi della contemporanea "128". Se ne costruirono ben sette serie, più altre sette della versione Abarth: in tutto, la bellezza di 1.300.000 esemplari. In un corposo dossier di 24 pagine, l'evoluzione del modello dal debutto sul mercato, nel 1969, all'ultima vettura prodotta, nel 1986.

Condividi
COMMENTI