News
03 marzo 2009 | di Redazione Ruoteclassiche

UN SECOLO DI FUTURISMO

Esattamente un secolo fa, il 20 febbraio 1909, Filippo Tommaso Marinetti pubblicava a Parigi, sul quotidiano "Le Figaro", il celebre Manifesto del Futurismo, a cui si sarebbe aggiunto l'anno dopo un analogo documento firmato dai pittori Giacomo Balla, Carlo Carrà e Umberto Boccioni.

Era nato un movimento destinato a influenzare numerose forme artistiche: dalla lettura alla pittura, dalla poesia al teatro, dalla musica all'architettura. Per celebrare il secolo dalla nascita di questa corrente culturale (che ampio risalto diede al mito della velocità, in tutte le sue manifestazioni), nel corso del 2009 saranno allestite parecchie mostre in varie città europee.

Tra quelle che ci interessano più da vicino ne segnaliamo due in particolare. La prima, nell'ambito del progetto "Futurismi" sviluppato dal Comune di Milano, a Palazzo Reale, dal 6 febbraio al 7 giugno, dal titolo "Futurismo 1909-2009, velocità + Arte + Azione", promossa dal Comune del capoluogo lombardo e da Skira Editore (www.comune.milano.it); la seconda, dal 20 febbraio al 24 maggio, alle Scuderie del Quirinale, a Roma, dal titolo "Futurismo - Avanguardia, Avanguardie" (www.scuderiequirinale.it).

Condividi
COMMENTI