In edicola / News
03 giugno 2015 | di Redazione Ruoteclassiche

Uno sguardo a Ruoteclassiche di giugno

È dedicata a una fascinosa quarantenne (declinata fino a oggi in sei generazioni) la copertina del numero di giugno di Ruoteclassiche: la BMW Serie 3, per la quale il Museo del marchio tedesco a Monaco di Baviera ha organizzato un evento celebrativo che ci ha visti presenti in esclusiva nazionale. E la prima generazione della Serie 3, la 316 (E21), è anche oggetto delle nostre "Impressioni" su strada.

Il numero in edicola questo mese parte con una "regina" che ha vissuto solo due anni, dal 1968 al 1970: stiamo parlando della Ferrari 365 GTC, ultima di una generazione di raffinate coupé 2 posti. Carrozzeria Pininfarina e linee che replicano quelle della 330.

Un salto nel tempo porta il lettore nel 1927, per la seconda delle "Impressioni" del numero: si tratta di un esemplare di Ansaldo Fiat 4F Torpedo, che in tutti questi anni ha avuto due soli proprietari, l'ultimo dei quali, nel 2001, l'ha sottoposta a un minuzioso restauro a una riconversione a camioncino.

Tra le "Nate per correre", spazio alla pepatissima Peugeot 106 Rallye del 1996, che è stata messa alla frusta sul nostro tracciato di Vairano da un pilota d'eccezione: Paolo Andreaucci, otto volte iridato nell'Italiano Rally con la Casa del Leone. Il "Test a test" è un affare di famiglia tra due Fiat 850: la Coupé del 1965 e la Spider CL Bertone del 1967. Nella sezione "Motoclassiche" rivisitiamo la Honda CX 650 Turbo del 1983 (venduta in Italia in soli 201 esemplari).

Protagonista assoluto dei nostri "Incontri ravvicinati" è un inedito Enrico Brignano, che sveste i panni del comico, per confidarci la sua passione segreta per i pulmini Volkswagen. Siamo andati a trovarlo nella sua "tana" in Toscana, dove sta preparando "Bulli & Bulloni", una nuova trasmissione sul mondo dei veicoli d'epoca.

Ricchissima la sezione eventi, con in pole position il racconto "in presa diretta" della nostra Mille Miglia, corsa a fianco del pilota Karl Wendlinger su una Mercedes 300 SL messaci a disposizione dal Museo di Stoccarda. Una settimana dopo siamo stati al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este, per raccontare uno degli appuntamenti più glaomur del calendario motoristico nazionale, in compagnia di un osservatore d'eccezione: Paolo Martin, designer tra altre vetture importanti anche della Ferrari Modulo. Chiudono la nostra carrellata sulle manifestazioni delle ultime settimane, Verona Legend Cars e il Sanremo Rally Storico.

In quattro pagine dense di storia quasi pionieristica dell'automobile raccontiamo il profilo umano e l'avventura professionale di Nicola Romeo, nel centenario della sua acquisizione dell'Anonima Lombarda Fabbrica Automobili (l'Alfa, per intenderci, che dal 1915 in avanti si chiamerà Alfa Romeo). Altre quattro pagine vi raccontano la storia della più grande produttori di pneumatici al mondo, la Firestone.

E poi le aste del mese - quella di RM Actions & Sotheby's che ha messo in vendita la preziosa Collezione Andrews -, il "Flashback" dedicato all'ultima vittoria di una Ferrari alla 24 Ore di Le Mans, esattamente cinquant'anni fa,  la consueta rubrica di attualità, la posta, gli appuntamenti e le attività dei club.

Buona lettura.

Condividi
COMMENTI