Velocità in circuito
13 giugno 2018 | di Moreno Filoscia

La Modena Cento Ore Classic 2018 va alla Jaguar E-Type di Walker-Griffiths

La diciassettesima edizione della Modena Cento Ore Classic si è conclusa tra gli applausi. Sia degli equipaggi al via – un centinaio – sia del pubblico, che in tutte le giornate della manifestazione, dal 5 al 9 giugno, ha affollato le tribune dell’autodromo di Monza, di Modena, del Mugello e di Varano.

Velocità e regolarità. Organizzata dalla Scuderia Tricolore, la gara ha visto esibirsi vetture da competizione di altissimo livello sia in pista, sia su strade aperte, dove hanno affrontato alcune prove di regolarità. A terminare la corsa sul gradino più alto del podio l’equipaggio composto dagli inglesi Walker-Griffiths su una Jaguar E-Type. Presenti anche le quote rosa: riflettori puntati soprattutto su Daniela Ellerbrock e Jackie Rohwer, che con la loro Alfa Romeo Giulia GTA hanno dato più di qualche grattacapo a tanti piloti partiti col favore dei pronostici. Per quel che riguarda la gara di regolarità, sugli scudi Housseau - Moreau su Ferrari Dino 246 GT e Schroeder - Ruppell su Porsche 356 B.

Quando il meccanico fa la differenza. Il team primo classificato è quello della AC Owners Club, capitanato dalla Ace Bristol di Gilbart-Smith – Kelly, vettura su cui aleggia l’ombra di un curioso retroscena. Fino al 1964 l’auto veniva messa a punto da Jackie, un giovanissimo meccanico scozzese che lavorava nell’officina di famiglia. In futuro, quel ragazzo mollerà cacciaviti e chiavi inglesi per indossare casco e guanti e diverrà nientemeno che Sir Jackie Stewart…

Condividi
COMMENTI