Auto
25 maggio 2005 | di Redazione Ruoteclassiche

4 POSTI AL SOLE

Il piacere di viaggiare scoperti, con l'abitabilità, il bagagliaio e il confort di una berlina. La degna erede della "Maggiolino Cabriolet" fu prodotta per ben 14 anni: il mercato offre perciò una buona scelta. La capote è un prodigio di tecnica e garantisce un'ottima tenuta, ma rifarla costa ben più del valore della vettura.

In casa aveva un'eredità scomoda, la "Maggiolino Cabriolet". Ma la "Golf Cabriolet" in realtà era un oggetto nuovo: non era la solita due posti, scomoda e senza bagagliaio: era una berlina "tagliata bene", con quattro posti e un bagagliaio, adatta un po' a tutti.

Nel nostro articolo trattiamo la "Golf GLS Cabriolet" prima serie con motore "1500", una versione intermedia fra la tranquilla "1100" e la sportiva "1600". Non era la più diffusa (che era la "1100"), ma è forse la più equilibrata: la cilindrata e i 70 CV sono infatti adeguati al peso. Ma perché il collezionista dovrebbe prenderla in considerazione? Per molti motivi: è una vettura semplice e affidabile, è costruita con molta cura (la carrozzeria veniva allestita dalla Karmann), è economica da gestire (10-12 km con un litro) ed è facile da guidare, divertente e versatile.

La vettura è anche relativamente facile da trovare, perché la cabriolet prima serie ebbe vita lunghissima: dal 1980 al 1993. Un esemplare in buone condizioni è quotato attorno ai 2500 euro e conviene sceglierne con cura uno in ordine di meccanica, ma soprattutto di carrozzeria, perché, con un valore così modesto della vettura, non è mai conveniente affrontare restauri costosi e complicati.

Uno dei principali pregi della "Golf GLS Cabriolet" è la linea, squadrata e fortemente a cuneo, che deriva dalla berlina, rispetto alla quale vi sono diverse modifiche: rollbar a fascia, coda e parafanghi posteriori ridisegnati e capote a mantice, all'epoca definita da Quattroruote "un capolavoro".È in plastica a cinque strati, pesa circa 40 kg ed è dotata di lunotto in vetro a sbrinatore termico. Due ganci ne rendono assai semplici le operazioni di sblocco. La vettura è piacevole da guidare ad andatura tranquilla, ma diventa nervosa e sensibile se si esagera col gas. Tutto bene con l'impianto frenante misto e col cambio a quattro marce.

Motore Anteriore trasversale - 4 cilindri in linea - Alesaggio 79,5 mm - Corsa 73,4 mm - Cilindrata 1457 cm³ - Rapporto di compressione 8,2:1 - Potenza 70 CV DIN a 5600 giri/min - Coppia 11,2 kgm a 2500 giri/min - Albero a camme in testa, cinghia dentata - Un carburatore invertito Solex 34 PICT 5 - Candele Beru 148D - Alternatore 35 A, batteria 36 Ah.
Trasmissione Trazione anteriore - Frizione monodisco a secco, comando idraulico - Cambio a 4 marce sincronizzate, comando a leva centrale - Pneumatici 155 SR 13.
Corpo vettura Cabriolet 4 posti, 2 porte - Carrozzeria portante - Sospensioni anteriori a ruote indipendenti (schema McPherson), bracci trasversali, montanti verticali - Sospensioni posteriori a ruote semi-indipendenti, assale a torsione, bracci longitudinali collegati trasversalmente - Ammortizzatori idraulici telescopici - Molle elicoidali - Freni anteriori a disco, posteriori a tamburo, con servofreno - Sterzo a cremagliera - Capacità serbatoio carburante 40 litri.
Dimensioni e peso Passo 2400 mm - Carreggiata anteriore 1390 mm, posteriore 1360 mm - Lunghezza 3820 mm - Larghezza 1610 mm - Altezza 1410 mm - Peso a vuoto 910 kg.
Prestazioni Velocità 150 km/h - Consumo medio 9 litri/100 km.

TAGS Volkswagen
Condividi
COMMENTI